118
Beppe Marotta a 360°. Intervenuto al termine dell'assemblea di Lega, l'amministratore delegato dell'Inter ha parlato alla stampa presente, tra cui Calciomercato.com:



"Primo posto? Siamo contenti, è un percorso che abbiamo svolto da inizio stagione. E' un percorso caratterizzato da linee guida indicate da Suning: grande merito è della proprietà, che garantisce grande stabilità economico-finanziaria. Il lavoro sta andando molto bene, siamo molto contenti di questo. Il nostro obiettivo era alzare l'asticella, l'abbiamo fatto. Stiamo raccogliendo risultati, ma non ci culliamo su questi risultati, dobbiamo guardare al lavoro. Questo percorso potrà garantirci crescita e soddisfazioni".

SUL MERCATO - "Faremo valutazioni, vogliamo puntellare un organico che per sfortuna e circostanze sfavorevoli è carente nei reparti. Vedremo cosa offrirà il mercato di gennaio. Dobbiamo considerare che questo gruppo ha dimostrato di meritare certi rinoscimenti, anche grazie alla guida saggia del tecnico. Sappiamo che è un mercato arido di contenuti, lo guardiamo con ottimismo ma anche con realismo. Kulusevski? Quel che conta è il lavoro dell'allenatore e dei ragazzi. Il gruppo ha grande valore, sia umanamente che professionalmente. Indipendentemente dal blasone di un nome, questo è il modello vincente, ovvero dare il massimo di sè a prescindere dai traguardi".

SU CONTE - "Conoscendolo bene, è un grande professionista e un vincente. I vincenti cercano sempre di ottenere il massimo. Quando comunica lo capisco benissimo, il suo linguaggio è quello che anche società e il management adottano per essere più competitivi. Questo cozza con una realtà che non dipende da noi. Avete capito che magari è più moderato in questo periodo, anche la stessa squadra, come Borja Valero, risponde chiaramente alle indicazioni. E' il primo a difendere i giocatori perchè stanno dando grandi risposte. L'Inter probabilmente non ha giocatori di grande blasone per il nome, ma per la sostanza sì. Anche così si può intraprendere un percorso, e Conte è il forgiatore di tutto questo".

SU LUKAKU-LAUTARO - "C'è la giusta alchimia tra i giocatori di grandi valore. Anche qui la mano dell'allenatore è importante, con due giocatori di valore serve il maestro in grado di valorizzare le risorse. Conte, con il suo modulo tattico, lo sta facendo. C'è grande sintonia in campo, e fuori dal campo sono molto amici".

SUL RINNOVO DI LAUTARO - "La posizione contrattuale non è assolutamente compromettente: Lautaro è un bravissimo ragazzo, è riconoscente all'Inter. Non è in una situazione di disagio. L'Inter, e Suning, ha un obiettivo: crescere. Nella crescita non bisogna rinunciare ai propri asset o calciatori. Il mercato è imprevedibile, c'è sempre la volontà dei giocatori di scegliere il proprio destino, ma non è il momento di parlare di trasferimento o rinnovo. Lautaro sa della nostra fiducia, non ci sono contrasti per una negoziazione".