2

Tanti gli argomenti toccati nel corso della conferenza stampa della vigilia di Torino-Inter da Walter Mazzarri, a partire ovviamente da alcune considerazioni sull'avversario: "Ci aspetta una gara difficile in un campo particolare, contro una squadra ottima, con un allenatore che dà una bella organizzazione. E poi hanno raccolto meno di quello che meritavano sul campo finora. Sarà un test importante, un'altra verifica per noi, ma sono fiducioso che potremo fare una bella gara. Contro la Roma è arrivata la sconfitta ma la prestazione non è poi stata così negativa. Abbiamo fatto errori che abbiamo pagato ma abbiamo fatto anche cose buone. La squadra deve crescere ma a livello globale ha fatto bene, c'è tanta voglia. Cerci, Immobile, Barreto: sono una signora squadra, bisognerà stare attenti. Errori da evitare? Abbiamo preso gol su ripartenze degli altri, ci abbiamo lavorato e continueremo a lavorarci. In generale vorrei che fossimo più cinici, dobbiamo raccogliere di più".

Al tecnico nerazzurro viene poi chiesto un chiarimento a proposito del rientro dei nazionali argentini: "Se c'è un ritardo aereo in un piano di volo ben organizzato non è colpa di nessuno, quindi non vedo perché dovrei multare i giocatori. Le loro condizioni? Non lo so, ieri sono arrivati, hanno fatto un defatigante, un lavoro leggero, sono tornati senza infortuni e questa è già una cosa buona, oggi guarderò il campo e sceglierò la formazione che mi darà più garanzia".

E proprio per guardare i suoi giocatori argentini, Mazzarri ha poi svelato di non aver visto la gara tra Roma e Napoli: "Ho visto Argentina-Uruguay in cassetta, non la partita della Roma, dovevo valutare le condizioni dei miei in vista del Torino". Un commento sulla Roma, in ogni caso, il tecnico lo rilascia comunque: "La Roma è molto solida, è una squadra con giocatori di esperienza, la sensazione è che abbiano un grande allenatore e che venga seguito. Ha tutto per arrivare alla fine".