7

'O mia bela Madunina'. La classifica piange, ma il derby di Milano ha sempre un certo fascino. Il posticipo di domenica sera a San Siro rischia di essere l'ultima stracittadina meneghina per quattro calciatori annunciati nelle formazioni titolari, uno per reparto. 

INTER - Il primo nome sulla lista dei partenti è un numero 1: Samir Handanovic. Il portiere sloveno è in scadenza di contratto nel 2016 e, senza accordo per il rinnovo, l'Inter sarà praticamente obbligata a cederlo nella prossima estate. Un altro big che rischia di essere sacrificato sul mercato in uscita è Mauro Icardi. Il suo agente sta trattando il prolungamento con tanto di aumento di stipendio e Mancini non vorrebbe privarsene, ma con l'offerta giusta non esistono più giocatori incedibili. Intanto l'attaccante argentino è a caccia del suo primo gol nel derby. In alternativa a Icardi, può partire l'altro giovane talento in forza ai nerazzurri: Mateo Kovacic. Il centrocampista croato, nonostante le assenze degli squalificati Brozovic e Guarin, partirà ancora una volta dalla panchina. Mancini gli preferisce Gnoukouri... 

MILAN - Sull'altra sponda del Naviglio, vengono dati in partenza i leader di difesa e centrocampo: il francese Philippe Mexes e l'olandese Nigel de Jong. Entrambi sono in scadenza di contratto a giugno e, salvo colpi di scena con rinnovi al ribasso, a fine stagione si svincoleranno a parametro zero. In questo modo il Milan si toglierà di dosso i due ingaggi più pesanti, infatti Mexes è il più pagato della rosa con 4 milioni netti all'anno, 500mila euro in più di quanto prende de Jong

TRA PANCA E CLUB - In casa Milan quello di domani può essere l'ultimo derby anche per l'allenatore Filippo Inzaghi e per il presidente Silvio Berlusconi, che sta trattando la cessione della società a un gruppo cinese. Sarebbe la fine di un'era e, visto che l'Inter è già passata da Moratti a Thohir, l'inizio di una nuova storia di derby 'Made in Asia'