81
Sono stati giorni molto movimentati in casa Inter, che in poco tempo ha ufficializzato gli arrivi di Romelu Lukaku, Kristjan Asllani, André Onana e Henrikh Mkhitaryan. Settimana prossima ci potrebbe essere anche quella per Raoul Bellanova, esterno destro del Cagliari. Il mercato in entrata però non finirà con questi nomi e infatti la dirigenza nel frattempo ha messo in piedi anche altre trattative come quella per Nikola Milenkovic della Fiorentina con cui l'Inter ha già una base di accordo. Al momento però, i nerazzurri non sono nelle condizioni di poter chiudere l'operazione, motivo per cui, nonostante il giocatore sia stato virtualmente "bloccato" , più passa il tempo, maggiori sono le insidie per il suo arrivo a Milano. La più grande arriva da Napoli.

L'OSTACOLO - Quanto agguerrita e pericolosa sarà la concorrenza del Napoli dipenderà molto dalla situazione di Kalidou Koulibaly. Il difensore senegalese infatti, non ha al momento trovato l'accordo per rinnovare il contratto (in scadenza nel 2023). Motivo per cui la possibilità che possa lasciare Napoli è reale. La richiesta del presidente, Aurelio De Laurentiis, è di 40 milioni di euro; cifra che eventualmente sarebbe reinvestita in parte per il sostituto. In cima a questa lista c'è Milenkovic, il cui agente, Fali Ramadani, ha già avuto contatti con il club campano. Ramadani che si prospetta più che mai al centro di questa trattativa in quanto tra i suoi assistiti c'è anche Koulibaly. Protagonista di questo intreccio anche la Juventus, che nel caso si concretizzasse la cessione di Matthijs De Ligt al Chelsea, potrebbe presentarsi alla porta del Napoli chiedendo proprio il difensore senegalese, obbligando così i campani a cercare a loro volta un sostituto. Se ciò avvenisse, i bianconeri complicherebbero indirettamente l'arrivo di Milenkovic a Milano.
L'INTRECCIO CON SKRINIAR - A sbloccare, in favore dell'Inter, la situazione, sarebbe la cessione di Milan Skriniar. nerazzurri hanno già rifiutato dal Psg una proposta da 60 milioni con aggiunta di contropartita tecnica, aspettandosi presto una nuova offerta che possa raggiungere 70 milioni di euro solo cash. Se accadesse, l'Inter avrebbe le risorse economiche per accelerare l'arrivo del difensore serbo. La valutazione della Fiorentina (anche dovuta alla scadenza del contratto nel 2023), è di circa 15 milioni. Nel frattempo, Marotta temporeggia, sapendo di avere un vantaggio, così come lo ha per Gleison Bremer e Paulo Dybala, guadagnato anticipando le mosse delle concorrenti. Vantaggio che però giorno dopo giorno si assottiglia e viene messo sempre più a rischio.