Commenta per primo

 

Massimo Moratti fa il punto sul momento nerazzurro, a partire dai giovani: "I giovani? Non hanno ancora avuto modo di dimostrare il cento per cento. Il loro talento si vede, si intravede, ma devono ancora esprimere tantissimo perchè per restare all'Inter ci vuole una qualità di un certo tipo". 
 
Ai microfoni di Inter Channel, in un'intervista rilasciata ieri a margine della festa di natale dell'Inter, il presidente aggiunge: "Mi sembra che ultimamente ci sia stato un miglioramento di rendimento da parte della squadra e adesso andiamo avanti con speranze e speriamo di finire l'anno nel miglior modo possibile. Che Inter mi aspetto? Mi aspetto l'Inter che è, quindi il massimo dai giocatori, che mi sembra abbiano l'identità, il carattere e tutto il necessario per fare bene". 
 
Moratti aggiunge: "Cosa dico ai tifosi? Dico che con tutto il cuore, sono sempre fiero, meravigliato e contento che tanta gente soffra con me e come me durante le partite. Questo mi emoziona e mi mette in condizione di sentirmi sempre servitore di questi tifosi e di questa società". 
 
Infine, sullo stato di salute del calcio italiano: "C'è preoccupazione perchè quelle di carattere economico che ci sono in Europa possono colpire anche il calcio. È bene che questo lo si capisca a livello istituzionale e d'altronde era parte della riunione alla quale ho avuto la fortuna di partecipare a Roma lo scorso mercoledì. È bene pensare anche a certe altre cose, tipo gli stadi, o al numero di squadre in serie A, un numero che non ti obblighi ad avere 40 giocatori in rosa per giocare 40 partite, dieci delle quali magari sono anche inutili. Ecco, spero che tutte queste cose vengano messe sul piano pratico decisionale e vengano appoggiate anche dalle istituzioni tipo il Coni, la Federazione, la Lega Serie A, da coloro che sono gli attori di questo ambiente".