44
Dejan Kulusevski, un pallino mai abbandonato e più che mai nei pensieri dell'Inter. Lo svedese classe 2000 resta uno dei sogni per il futuro del centrocampo nerazzurro, apprezzato da Conte, gradito a Marotta e alla proprietà per le prospettive future. Un interesse che resta vivo e che viene testimoniato ancora una volta dalle manovre del club milanese: nuova missione, uomini Inter erano sugli spalti del Ferraris nel tardo pomeriggio per assistere alla sfida tra Sampdoria e Parma e valutare ancora una volta da vicino le prestazioni di Kulusevski. Lo svedese oggi ha deluso, nel successo dei ducali la sua prova non è stata brillante, ma non sposta le valutazioni complessive fatte dai nerazzurri.

LE CONDIZIONI - La nuova missione di scouting conferma come l'Inter sia convinta di voler provare l'affondo per Kulusevski, che sia a gennaio o al termine della stagione. Portare via ora lo svedese è molto complicato sotto diversi punti di vista, a partire dalle ricche richieste economiche dell'Atalanta (detentrice del cartellino), che non ascolta proposte inferiori ai 30 milioni di euro, fino alle resistenze del Parma, non intenzionato a interrompere in anticipo il prestito del centrocampista. Gennaio complicato, ma i nerazzurri ragionano anche su un'operazione da imbastire in ottica giugno, per non rischiare di restare coinvolti in una grande asta che coinvolga le tante big che hanno messo gli occhi sul giocatore, tra cui anche la Juventus. L'Inter ragiona su costi e tempistiche dell'affare, intanto non abbassa l'attenzione: i nerazzurri spiano ancora Kulusevski e preparano le dovute manovre.

@Albri_Fede90