115
La gioia al gol del 3-2 dell'Empoli contro il Napoli si è manifestata presto e senza mezze misure sul campo del Castellani. Andrea Pinamonti sigla in spaccata la sua doppietta, si leva la maglia e viene subito sommerso dalla gioia di un'intera squadra liberatasi all'istante di un peso che durava da 4 mesi. L'Empoli infatti non trovava il successo da dicembre 2021, nonostante l'arciere di Cles, abbia continuato a mantenere un rendimento costante in queste 15 gare. In prestito dall'Inter il bomber classe '99 si è poi sfogato nel post-partita allontanando, almeno per il momento quella che inevitabilmente sarà un'estate decisiva per il suo futuro.

UN GOL DA SCAMACCA - "Sicuramente questa può essere la stagione della svolta, ora lo posso dire perché sono contento di quello che sto facendo. Sono felice, sono sereno e in campo le cose iniziano a farsi vedere". Prestazioni in crescita, fiducia dell'ambiente e, soprattutto, un impiego costante da titolare, lo hanno portato nella top 10 dei marcatori di questa Serie A, a un solo gol dal tanto chiacchierato Gianluca Scamacca, valutato 40 milioni dal Sassuolo e obiettivo di mercato proprio dell'Inter che in estate dovrà prendere una decisione netta sul suo futuro.
LA STRATEGIA DELL'INTER
- Sempre a fine gara Pinamonti ha ribadito come ora per il "Futuro? Non voglio pensare a niente, voglio soltanto festeggiare con i miei compagni ". I piani dell'Inter sono però già delineati e difficilmente subiranno variazioni. L'attaccante ha un contratto gino al 30 giugno 2024 e al momento non è previsto il suo ritorno in nerazzurro dove resterebbe chiuso in un ambiente che lo ha visto spesso sotto stress. Al contrario per l'Inter Pinamonti può rappresentare una contropartita importantissima in operazioni che, oggi, sarebbero complicate da completare come quella proprio per Scamacca col Sassuolo (per Bremer, invece, l'idea è di sacrificare un giovane della Primavera come Carboni). Prima però c'è un campionato da completare, il migliore della sua carriera, per completare un percorso di crescita magari utile anche al ct Roberto Mancini.