C'è un'Inter che viaggia a ritmi spediti e con poche rivali al vertice della propria classifica. Si tratta dell'Inter Under 17, laureatasi Campione d'Inverno con una giornata d'anticipo prima da unica imbattuta a +5 sull'Atalanta la rivale più accreditata del girone. La formazione di Zanchetta è stata letteralmente trascinata da un giovanissimo attaccante, classe 2002, che però è già costantemente aggregato alla Primavera di Armando Madonna e con cui ha già trovato un doppio esordio (e che esordio): Sebastiano Esposito.

LO SCUGNIZZO A MILANO - Nato a Castellamare di Stabia, inizia a giocare prestissimo a calcio insieme ai suoi due fratelli, Salvatore, più grande classe 2000 e Francesco, più piccolo classe 2005. Tutti e tre sono strettamente legati al pallone perchè il padre, Agostino Esposito è stato bandiera e allenatore della Juve Stabia e gli ha trasmesso la passione per il calcio nel Dna. Notati in un torneo giovanile da uno scout del Brescia l'intera famiglia si trasferisce al Nord per permettere ai piccoli di inseguire il proprio sogno. Il trasferimento all'Inter dell'intera banda arriva di lì a poco e se per Salvatore è già arrivato il momento dell'addio (è alla Spal) dopo la vittoria dello scudetto Primavera ora tocca a Sebastiano prendersi gli onori della cronaca, e che cronaca.

NUMERI DA STAR - Nel corso della passata stagione è arrivata la doppia cifra a fine stagione ma con un finale in crescita anche in Nazionale. Quest'anno la doppia cifra è già arrivata ed Esposito ha già all'attivo 23 gol in 19 partite fra campionato under 17, Nazionale Under 17 e non solo. Sì perchè la punta nerazzurra è stato sia il trascinatore dell'Inter in vetta alla classifica, sia dell'Italia di Carmine Nunziata con 3 gol in 3 partite nel percorso di qualificazione agli Europei. E poi l'esordio in Coppa Italia Primavera, nel 6-2 rifilato dall'Inter al Palermo in cui, dalla panchina è entrato e ha segnato una doppietta in soli 26 minuti. Un segnale.

DA TOTTI A DONNARUMMA - Sebastiano Esposito è forse il più talentuoso dei tre fratelli, ma è anche quello meno inquadrabile tatticamente. Ha un fisico strutturato ma non da 9 puro, nè da esterno d'attacco. Ha il killer instinct della punta e l'estro del trequartista e in tanti fra gli addetti ai lavori hanno fatto fatica a trovare un vero paragone in Italia. Lui ha sempre detto di ispirarsi a Totti e grazie a lui simpatizza per i giallorossi, ma con lui condivide anche una grande capacità di calciare le punizioni, vero marchio di fabbrica. Ha un ottimo rapporto anche con Gigio Donnarumma, suo concittadino che ogni tanto raggiunge a Milano come dimostrano diverse storie su instagram. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Gool #azzurrini #italia #u17 #9

Un post condiviso da Sebastiano Esposito (@espositosebastiano) in data:



PERICOLO PSG - Già la scorsa estate erano arrivate conferme da parte del padre che tanti club, soprattutto di Premier League, si sono già interessati a lui per provare a strapparlo all'Inter e ora è il Paris Saint Germain il club più attivo nei contatti per il ragazzo che, ancora sedicenne, non ha ancora un contratto da professionista con l'Inter. Il rapporto che il club ha con la famiglia è solido, ma la corte dei club esteri inizia a farsi insistente, il lavoro diplomatico è già partito.