Commenta per primo

 

Dopo la sconfitta casalinga contro l'Udinese, il tecnico dell'Inter Claudio Ranieri parla ai microfoni di Sky: "Abbiamo cercato di mettere in difficoltà l'Udinese, ma loro sono bravi e in contropiede colpiscono. Niente da dire, complimenti a loro. Ora dobbiamo cercare di rimboccarci le maniche e vedere cosa fare...". 
 
"Pazzini e Milito non segnano? Sono momenti - prosegue Ranieri -. Un attaccante può fare tutto e non andargliene bene una. Hanno lottato, ma non ci sono riusciti. I cambi? Quando si è fatto male Faraoni ho inserito Zàrate, pensando di poter vincere la gara. Ma l'Udinese è stata brava. Adesso, senza piangerci addosso, dobbiamo lottare e a fine anno vediamo cosa riusciamo a fare. Sarebbe stata la partita della svolta, perché ci avrebbe fatto prendere tutta l'autostima che stavamo mettendo su. Ma continuiamo a lavorare duramente, come stiamo facendo". 
 
Il tecnico nerazzurro conclude: "Ora dobbiamo stare zitti, lavorare e lasciare che gli altri facciano il loro campionato. Io sono sempre fiducioso, però dobbiamo credere in qualcosa. Se ci allontaniamo dallo scudetto ci sono altre piazze ambite e dobbiamo cercare di avvicinarci. Sono sempre positivo, speriamo di recuperare i giocatori importanti che possono darci una mano".