957
Inizia con una sconfitta seppur non meritata al 100% il cammino in Champions League dell'Inter di Simone Inzaghi che riparte con le stesse certezze, ma anche insicurezze di quella di Antonio Conte di un anno fa. I nerazzurri sprecano tanto, calano con il passare dei minuti e alla fine soccombono ed escono sconfitti 1-0 a San Siro alla prima del girone D. È di Rodrygo al 90esimo il gol che decide la gara dopo che Courtois aveva più volte salvato il risultato nel corso della gara.

È l'Inter che parte meglio comandando sia i ritmi che gli spazi e costringendo spesso il Real Madrid a rintuzzare verso la propria area di rigore. Prima però Lautaro spara addosso a Courtois e poi è Dzeko a calciare addosso al portiere belga in uscita bassa.

Il Real fatica a guadagnare campo, ma quando lo fa diventa pericolosa con Casemiro prima che sfiora il palo alla sinistra di un Handanovic in ritardo e poi Benzema poi che servito dalla destra cicca la conclusione in area piccola. Lampi estemporanei perché è ancora l'Inter ad avere le azioni più pericolosi con Courtois ancora strepitoso su Lautaro e Dzeko mantenendo lo 0-0 all'intervallo.




Il copione nella ripresa cambia e le parti si invertono completamente perché sono le Merengues a prendere in mano il pallino del gioco mettendo in croce entrambe le fasce nerazzurre. Skriniar ci mette una pezza su Benzema, Handanovic su Carvajal, ma è ancora di Courtois la parata più importante, ancora su Dzeko di testa su calcio d'angolo.




I cambi fanno perdere distanze ed equilibri, ma gli ingressi di Dumfries, Dimarco, Vidal e Correa non provocano occasioni serie nell'immediato per i nerazzurri che, invece, soffrono e vanno in crisi proprio con l'olandese con le folate di un funambolico Vinicius.




Le energie calano, la forza di ribaltare l'azione svanisce e così le forze fresche della panchina del Real diventano decisive per l'1-0 finale. Camavinga taglia come il burro la difesa nerazzurra e serve a centro area Rodrygo che, dimenticato da tutti, batte ad incrociare Handanovic. Game set and match e il Real sbanca ancora una volta San Siro.