48
Esperienza e gioventù. Il più classico mix indicato come panacea di tutti i mali per una squadra di calcio, nonchè ricetta perfetta per assicurarsi successi. Anche l'Inter della prossima stagione ripartirà da questa filosofia, soprattutto per quanto concerne la ricostruzione di un reparto di centrocampo bisognoso di un paio di ritocchi. E per quanto concerne il profilo "giovane", tra i nomi tenuti in considerazione da Beppe Marotta e Piero Ausilio c'è anche quello del romanista Lorenzo Pellegrini. Insieme a Edin Dzeko, un altro di quei giocatori che nella sfida Champions di sabato sera sarà seguito con particolare attenzione.

Classe '96, un contratto in scadenza a giugno 2022 ma una clausola rescissoria da 30 milioni di euro (pagabile in due esercizi) che lo rende appetibile per diverse squadre. Un identikit che piace per caratteristiche tecniche e tattiche al management nerazzurro, una pista la cui percorribilità dipenderà molto dalle intenzioni della Roma. La trattativa per il rinnovo e il conseguente aumento della clausola non ha regalato sostanziali novità nelle ultime settimane: la volontà del club giallorosso è di privarsi di altre pedine in estate per questioni di bilancio, ma l'eventuale mancata qualificazione alla prossima Champions League potrebbe imporre altri sacrifici e la cessione di Pellegrini garantirebbe una significativa plusvalenza. Con l'Inter pronta ad approfittarne.