11
È cresciuto nelle giovanili dell'Inter fin dai pulcini, portandosi dietro ogni anno l'etichetta del predestinato. Federico Bonazzoli è un prodotto cristallino del vivavio della società di corso Vittorio Emanuele, un ragazzo su cui il club di Palazzo Saras ha sempre creduto, anche se quesioni di bilancio lo hanno spinto lontano dal capoluogo lombardo. Più un arrivederci che un addio quello tra Bonazzoli e l'Inter, perché in realtà i nerazzurri hanno concluso con i blucerchiati un'operazione in stile Juve-Real per Morata, quindi mantenendo il diritto di riacquisto ad una cifra bloccata di circa 7,5 milioni di euro. 

LE PAROLE DI ZENGA - Indiscutibile il talento di questo ragazzo, che nelle giovanili dell'Inter ha praticamente sempre giocato un anno sotto età. Per diversi anni Bonazzoli è stato ritenuto dagli addetti ai lavori uno dei maggiori prospetti offerti dal calcio italiano ed è per questo che la situazione attuale sembra ancor più paradossale. Le parole di Walter Zenga non fanno altro che evidenziare un problema all'ordine del giorno: "Mi spiace non essere riuscito a dare spazio a Bonazzoli, che è stato un grande invesimento della società", un investimento che però rischia di svalutarsi non poco. 
LO SCOMODO CASSANO - La gerarchia non fa sconti e nella testa di Walter Zenga ci sono troppi elementi da gestire prima di Bonazzoli, a partire da Eder e Muriel che per il tecnico blucerchiato sono praticamente insostituibili. Senza dimenticarsi di Cassano, fortemente voluto da società e tifosi e adesso per forza di cose elemento condizionante dello spogliatoio. Come lo spieghi al barese che un giovane alle prime armi è pronto a fargli le scarpe? Una situazione abbastanza difficile da gestire e che al momento influisce negativamente sulla crescita professionale del canterano nerazzurro. 

MERCATO UNICA SALVEZZA - A questo punto il mercato di gennaio sembra essere l'unica vera alternativa concreta per Federico Bonazzoli, che potrebbe andare a cercare altrove il minutaggio necessario e sufficiente per la sua definitiva maturazione. La soluzione più probabile è da ricercare in Serie B, ma anche in A, club che lotteranno per la salvezza, lo prenderebbero volentieri.