20
Uno con la maglia del Cile, l'altro con quella dell'Argentina. Entrambi su sfondo nerazzurro. Nella notte si sfideranno, in una partita amichevole, Alexis Sanchez e Lautaro Martinez, attaccanti dell'Inter chiamati dai rispettivi commissari tecnici, Rueda e Scaloni. Il Nino Maravilla è stato chiamato solamente per la sfida contro l'Albiceleste, mentre il Toro resterà per un'altra intera settimana agli ordini dell'ex difensore di Lazio e Atalanta. Sì, perché dopo il duello in campo ci sarà da tornare a Milano. E da conquistare ci sarà Antonio Conte. 

SANCHEZ PARTE PRIMA - Una sola partita per Sanchez: inizialmente non doveva neanche partire per il Sudamerica, poi però l'assenza di impegni con l'Inter gli ha permesso di prendere il volo e sfidare l'Argentina, per poi tornare alla base nerazzurra e approfondire la conoscenza con la realtà nerazzurra e contiana. Cosa che non farà subito Lautaro: prima il Cile, poi il Messico. Più un viaggio intercontinentale, con qualche allenamento in meno. Sarà sfida vera per affiancare Romelu Lukaku

DUALISMO - Già, perché il 9 nerazzurro è il punto fermo dell'attacco interista. Mentre della sua spalla non v'è certezza. Come scrive Tuttosport, contro l'Udinese è in vantaggio Alexis Sanchez per un posto da titolare, sia perché molto stimato da Conte sia perché lavorerà di più con la squadra in questa settimana. Ma la sfida c'è, la rivalità interna è partita: in un angolo Sanchez, nell'altro Lautaro, il 7 contro il 10. Chi al fianco del 9?