43
Padelli 6: Giù un po’ troppo in fretta sul gol di Keseru. Si fa trovare pronto sul rasoterra di Swierczok.

D’Ambrosio 6: Elastico a modificare continuamente il reparto arretrato da tre a quattro.

(Dal 31’ s.t. Bastoni: s.v.)

Ranocchia 6: Su calcio d’angolo va in area avversaria e svetta su Badji sfiorando il gol. Sempre puntuale negli interventi, meno preciso quando forza la giocata in impostazione. 

Godin 5,5: Bruciato da Cauly in area di rigore. Disattenzione che vale il gol ospite. 

Moses 6: Conte gli ordina di rimanere più alto rispetto a Biraghi. Gara di buona qualità e forse su di lui ci sarebbe anche un calcio di rigore. 

Barella 6: Fa legna, mette minuti nelle gambe e poi lascia spazio a Brozovic). 

(Dal 1’ s.t. Brozovic 5,5: Irritante, svogliato, sembra entrare in campo quasi per fare un favore a qualcuno.

Borja Valero 6,5: Era stato fondamentale all'andata e si è dimostrato altrettanto importante anche al ritorno. Professore in regia). 
Eriksen 6,5: Parte da sinistra per stringere e lasciare campo alle avanzate di Biraghi. Suo l’assist proprio per l’esterno italiano per il gol dell’1-1. Le cose più belle le fa con la palla tra i piedi, non è una sorpresa.

Biraghi 6: Sorpreso sul cambio di gioco che pesca Cicinho, libero di indirizzare l’assist per il provvisorio 1-0 ospite. Si riscatta subito dopo, anche con un po di fortuna, quando Terziev spedisce un suo cross alle spalle del proprio portiere.

Lukaku 6,5: Dopo 5’ di gioco scatta inarrestabile ma solo davanti al portiere, col destro, non angola bene il pallone e Iliev blocca. Ne sbaglia un altro clamoroso colpendo di testa e centrando il portiere ma la fortuna è dalla sua e il pallone gli carambola sulla testa per poi finire in rete. Si gira in area e incrocia il mancino ma il pallone, deviato da Iliev, scheggia il palo.

17’ s.t. Esposito 5,5: Confuso, vuole fare troppe cose e gliele riescono poche. Deve imparare a gestirsi perché le qualità le ha e l'apertura di 40 metri che fa con disinvoltura lo dimostra). 

Sanchez 7: La gamba inizia a girare. Ha voglia, lotta su ogni pallone e punge continuamente. Suo l’assist per il gol di Lukaku. Colpisce la traversa con una grande conclusione dalla distanza. Meriterebbe il gol. 


Conte 7: All'interno della stessa gara l'Inter veste più abiti. La difesa si trasforma agevolmente da tre a quattro. Conquista meritatamente gli ottavi. 


Ludogorets

Iliev 5,5; Cicinho 6, Grigore 5, Terziev 5,5, Nedyalkov 6; Marcelinho 5,5 (dal 39’ s.t. Biton s.v.), Dyakov 6, Badji 6; Wanderson 5,5(dal 25’ s.t. Tchibota 6), Keseru 6,(dal 19’ s.t. Swierczok 5,5), Cauly Souza 6,5