139
Forse non è un calciatore come gli altri, forse il ragazzo ha qualcosa di speciale ed è per questo che l’Inter ha bloccato tutti i discorsi. Il precampionato di Martin Satriano impone importanti riflessioni, il centravanti uruguaiano fa gol a raffica e non importa contro quale avversario si misuri, lui segna a prescindere. Con la rete di testa siglata contro il Crotone siamo arrivati a quota nove e ne ha fatti vedere per tutti i gusti, ricorrendo a un ampio repertorio: di testa, di destro, di sinistro, di rapina e di potenza. Insomma, sarà anche un classe 2001, ma quando va in campo non ha paura di nessuno. Certo, sicuramente ancora un po’ acerbo, ma Satriano si sta affacciando adesso al calcio dei grandi, dopo essere sbarcato da una realtà completamente diversa ed essersi confrontato solo nel campionato Primavera.
PRETENDENTI IN ATTESA - Inzaghi è rimasto piacevolmente sorpreso dalle qualità di questa giovane punta, tanto da aver chiesto di poterlo allenare per ancora un paio di settimane, ovviamente al fine di testarlo anche in amichevoli più impegnative. Ausilio soddisferà l’esigenza del tecnico e per questo motivo il ds ha messo in attesa tutte le pretendenti che nelle ultime settimane avevano mosso qualche passo, su tutte il Bruges, che continua a insistere. Per adesso, dunque, Satriano rimarrà ad allenarsi in Pinetina, tra un paio di settimane e ne riparlerà, magari avendo le idee ancora più chiare. Da viale della Liberazione hanno una certezza, tenere Satriano come quarta punta avrebbe un senso, ma bisogna capire se si può correre il rischio. Tenerlo invece come quinta punta, non sarebbe conveniente né per il club né per la crescita del calciatore.