93
Gianfelice Facchetti ha dichiarato alla Gazzetta dello Sport: "Skriniar è entrato perfettamente nel mood e nel sentimento dell'Inter, incarna alla perfezione il Dna nerazzurro. Il tifoso vede in lui qualcosa di speciale, perché rappresenta tutti quei valori che sanno rendere uniche alcune persone. Skriniar è professionalità, educazione, correttezza e senso di appartenenza. Per me è il simbolo dell'Inter di oggi e in molte cose ricorda davvero una persona a me cara, l'ho sempre detto e lo ribadisco".

"Oggi è impossibile rinunciarci. C'è un tempo per tutto, non si può cedere un giocatore così importante a stagione iniziata. Bisogna avere il coraggio di dire no quando si è di fronte a situazioni che potrebbero compromettere il lavoro di una stagione intera e soprattutto andare a colpire l’entusiasmo e la passione dei tifosi. Il popolo nerazzurro ha dato un messaggio forte di fiducia al club, superando i 40 mila abbonati in pochi giorni. Adesso questa fiducia non può essere tradita".
"L'equilibrio finanziario deve passare anche dal fatto che alcune operazioni di mercato in uscita non si possono fare dopo un certo periodo. Se i conti vanno sistemati entro il prossimo giugno, allora si faccia lo sforzo ora di non prendere in considerazione nessuna offerta per i big della squadra, perché senza i risultati sportivi si rischiano problemi anche a livello di bilancio. E poi per Skriniar si sono spesi tutti: dall’allenatore Inzaghi a capitan Handanovic, uno che parla sempre poco, e a catena tutti gli altri. Il tifoso reagisce di pancia, il compagno di squadra analizza i fatti: Milan è fondamentale per l’Inter. Che nessuno lo tocchi".