75
Serve Mauro Icardi, serve il capitano. Quando si è in difficoltà, e dopo una sconfitta imprevista lo si è, ci si affida solitamente a due persone: al bomber e a chi indossa la fascia. All'Inter, per entrambe le cose, bisogna chiedere a Maurito. Apparso non al meglio nel ko di Reggio Emilia col Sassuolo, con un errore sotto porto non da lui, il numero 9 nerazzurro dovrà guidare la carica nella sfida di San Siro contro il Torino, cercando di chiudere al meglio il mese di agosto e arrivare col sorriso a quello di settembre, che per l'argentino sarà pieno di impegni.

ARGENTINA E CHAMPIONS - A settembre ci saranno due impegni di campo importanti per il capitano dell'Inter: prima la convocazione nella nuova Argentina di Scaloni; poi il debutto in Champions League, quella competizione tanto inseguita in maglia nerazzurra e finalmente conquistata. Non solo campo però...

RINNOVO - In estate tanti rumors circa il suo futuro, tra Real Madrid, Juventus e Premier, e la sua permanenza, con un nuovo rinnovo all'orizzonte. Ausilio e Wanda Nara hanno deciso di non parlarne in estate, slittando tutto a settembre e, salvo sorprese, non ci saranno problemi: contratto sino al 2023 e ingaggio tra i 6 e i 7 milioni di euro. Argentina, Champions e rinnovo, settembre pieno per Icardi. Ma prima c'è un Torino da mandare ko.