123
Giorni importanti per il futuro di Marcelo Brozovic. La prossima settimana è atteso il padre a Milano per discutere il rinnovo del contratto in scadenza nel 2022. La volontà del croato è quella di andare avanti insieme, di continuare il rapporto iniziato nel 2015, ma l'accordo è tutt'altro che vicino. Brozovic guadagna una cifra vicina ai 3,5 milioni di euro, per prolungare con i nerazzurri chiede oltre 5 milioni di euro. Una posizione che non è in linea con i nuovi parametri di Suning, che ha come obiettivo quello di ridurre il monte ingaggi del 15/20%. Ci sarà modo di parlare, di confrontarsi, di cercare le risposte. Ma senza lasciar passare troppo tempo. L'Inter è fiduciosa, non può permettersi di perderlo a zero (dal primo febbraio 2022 può firmare gratis per qualsiasi club), senza rinnovo la cessione sarà l'unica via percorribile. 

PJANIC - Marotta sa quanto è importante il regista nell'economia di gioco di Inzaghi, per questo non vuole farsi trovare impreparato in caso di fumata nera con Brozovic. Tra i profili seguiti c'è quello di Miralem Pjanic, portato a Torino dalla Roma nel 2016, per il quale c'è stata una telefonata esplorativa. Il bosniaco ha messo il ritorno alla Juve in cima alla lista dei desideri e al momento non valuta altre opzioni, ma occhio a quello che può succedere negli ultimi giorni di mercato, sopratutto se dai bianconeri non arrivassero segnali. Pjanic non può permettersi di vivere un'altra stagione in blaugrana a osservare i compagni dalla panchina, a quel punto potrebbe fare altre valutazioni.