104
L'Inter o meglio i suoi tifosi, potranno festeggiare nuovamente lo scudetto in vista della sfida che sabato pomeriggio vedrà i nerazzurri affrontare la Sampdoria a San Siro. La festa criticatissima e spontanea andata in scena a Milano ha fatto seguito alla vittoria del titolo, ma non con l'Inter in campo, bensì in seguito alla non vittoria dell'Atalanta contro il Sassuolo. Quella di sabato sarà a tutti gli effetti la prima partita a San Siro con lo scudetto cucito sul petto e sia il Comune di Milano che la Prefettura hanno acconsentito a una piccola celebrazione, ma con modalità filtrate e contenute.

IL COMUNICATO DELLA PREFETTURA - "In previsione della prossima partita in casa dell'Inter, sabato prossimo alle 18 a San Siro contro la Sampdoria, si sono tenuti diversi incontri per approntare una strategia condivisa, con il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, i vertici delle forze dell'ordine e l'Inter. È  stata individuata un’ampia area di circa 15mila metri quadrati, dove potranno accedere massimo 3mila persone attraverso filtri delle forze dell’ordine, anche al fine di procedere ad una diffusa identificazione dei presenti. Con lo stesso intento, la questura di Milano ha curato i rapporti con la tifoseria organizzata. La tifoseria organizzata si è impegnata ad osservare le disposizioni indicate dal questore e quelle previste dalle norme anti-Covid. Eventuali violazioni saranno rigorosamente sanzionate".
IL SINDACO SALA - In risposta alle critiche dell'assessore al Welfare Letizia Moratti, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala ha confermato gli incontri avvenuti per la celebrazione dello scudetto dell'Inter: "La politica, anche la vita, è piena di grandi interpreti del 'con il senno del poi'. Se ci fosse un campionato, penso che Letizia Moratti potrebbe vincere il titolo. Non corrisponde a realtà la notizia che è uscita, per cui sabato prossimo ci saranno delle zone rosse. Non ci saranno zone rosse. Quello che possiamo dire è che c'è collaborazione sia con la società Inter che con i rappresentanti dei tifosi. Con prefetto e questore sabato sarà una giornata in cui saremo insieme, anche se non sempre fisicamente, per controllare quello che succede. Prevediamo un sabato caldino".

NIENTE ALCOLICI - "Nelle aree vicine alla zona San Siro vigerà anche il divieto di vendita e somministrazione di alcolici in vetro e lattine, fatta eccezione per gli esercizi di ristorazione. Analogo provvedimento sarà vigente in zona Duomo presidiata dalle forze dell'ordine in funzione di prevenzione anti-assembramento. Resta invariato l'impegno nelle zone della movida, cioè Darsena, Colonne di San Lorenzo, corso di Porta Ticinese, corso Como, corso Garibaldi, corso Sempione, Arco della Pace e Brera".