14

Resterà all'Inter fino al termine della stagione, ma da giugno in poi difficilmente ci sarà il nerazzurro nel suo futuro. Matias Silvestre è stato sulla lista dei partenti di Marco Branca per settimane, poco considerato da Stramaccioni, il difensore argentino ha sorpreso tutti, decidendo di restare ad Appiano per giocarsi le sue carte fino al termine della stagione. Questione di orgoglio, che ha prevalso sulla voglia di giocare con continuità. Per l'ex giocatore di Palermo e Catania, con un passato nel Boca Juniors, le offerte non sono mancate: per lui si è fatto avanti il Genoa, pronto ad acquistarlo a titolo definitivo, ha chiesto informazioni il Napoli, che alla fine ha ripiegato su Rolando, era gradito anche dalla Sampdoria, nella trattativa per Icardi. Silvestre non ha voluto sentire ragioni.

L'Inter l'ha prelevato dal Palermo in prestito con diritto di riscatto fissato a 8,5 milioni di euro in quattro anni, un investimento importante per un giocatore che negli ultimi otto mesi si è svalutato. Tra Moratti e Zamparini c'è un gentleman agreement dalla scorsa estate, Silvestre non tornerà in Sicilia, verrà riscattato ma sarà poi piazzato altrove, con il rischio di una minusvalenza. Intanto resta a disposizione di Stramaccioni, con l'obiettivo di cambiare una stagione fino a questo momento maledetta.