46
In grande difficoltà. Con l'arrivo di Antonio Conte e il conseguente passaggio alla difesa Milan Skriniar ha perso un po' di smalto, non riuscendo a esprimersi sui livelli delle ultime stagioni. Niente di così preoccupante, ma le sue difficoltà sono sotto gli occhi di tutti. Nonostante la grande applicazione, in allenamento e partita, da terzo di sinistra fatica, non si sente a suo agio, non è un caso che Conte stia dando sempre più credito a Bastoni, un profilo più consono alla sua idea di calcio.

NON SI TOCCA - Skriniar non è un problema, sia chiaro, ma un argomento sul quale riflettere. Lo sa bene Conte, che con la nuova stagione sta pensando di spostarlo a destra, dove di certo fa meno fatica e tornerebbe a essere un valore aggiunto. Per l'Inter è un patrimonio, un punto fermo del presente e del futuro, le sue difficoltà non influenzeranno il mercato. La posizione di Marotta e Ausilio è sempre la stessa, l'ex Sampdoria non si vende, per questo motivo nei mesi scorsi, secondo quanto appreso da Calciomercato.com, è stata respinta un'offerta del Manchester City da 65 milioni + 5 di bonus, per lo stesso motivo è stato detto no al Barcellona. Lo scenario può cambiare solo di fronte a una proposta superiore ai 90 milioni di euro, al momento improbabile.