Un passo avanti rispetto alla sconfitta di Sion ma una prestazione ancora limitata dalla condizione fisica e dalle fatiche di una preparazione atletica che è entrata nel vivo. Partita ricca d’emozioni quella di Pisa tra Inter e Zenit, gli uomini di Spalletti soffrono più del dovuto a centrocampo, dove fanno coppia Asamoah e Gagliardini, poco propositivi e parecchio legati, specie nell’impostazione di una manovra che senza Nainggolan fatica a trovare sbocco.

SPALLETTI PUO' SORRIDERE - Cinque gol subiti nelle ultime due uscite per l’Inter di Spalletti, che dovrà sicuramente registrare qualcosa in difesa, ma che intanto può sorridere per il ritrovato Mauro Icardi e per Lautaro Martinez, che si conferma bomber dal sangue freddo. L’ex Sampdoria torna ad essere titolare e realizza dagli undici metri dopo aver avviato l’azione grazie a una bella giocata con dribbling e palla in verticale. 50’ in campo per recuperare fiato e corsa, poi Spalletti lo toglie dal campo per lo scalpitante Lautaro, che neanche a dirlo non perde occasione per andare in gol sfruttando tutto il proprio Killer Instinct nello spedire in porta un pallone vagante in area di rigore.
QUANDO INSIEME? - Nell’Inter che pareggia 3-3 contro lo Zenit segnano sia Icardi che Lautaro Martinez, ma senza giocare in tandem. Insieme potrebbero fare ancora meglio? Giusto porsi almeno la domanda, almeno fin quando Spalletti non proverà l’opzione che prevede l’Inter a due punte, un sistema che vista l’assenza di Nainggolan potrebbe aiutare i nerazzurri ad avere maggiori sbocchi nella zona centrale del campo. L’ex giallorosso sarà sicuramente out fino alla sfida di Lecce contro il Lione, le prossime amichevoli saranno la giusta occasione per iniziare a vedere quella coppia d’attacco che molti tifosi aspettano?