481
Stop e ripartenze, il rinnovo di Lautaro Martinez ha sempre viaggiato un po’ ad intermittenza e adesso è di nuovo impantanato, bloccato da diverse settimane. L’Inter non ha la forza economica per assecondare le richieste del “Toro” e ad oggi sembra rassegnata a doverlo cedere, se non questa estate, la prossima. Ovviamente per non perderlo a zero. Troppo distanti le parti, 6,5 milioni di euro la richiesta del centravanti, 4,5 l’offerta nerazzurra, che proprio su questa cifra aveva trovato l’accordo economico con il vecchio agente di Lautaro. Proposta che l’ex Racing non ha neanche voluto prendere in considerazione, anzi, Lautaro ha detto addio al suo precedente procuratore per iniziare una nuova collaborazione con Alejandro Camano (lo stesso agente di Hakimi), probabilmente per strappare accordi a cifre migliori, con l’Inter o con chiunque altro.

MEGLIO PRIMA CHE POI - In questo preciso momento storico l’Inter ha le mani bloccate dalla crisi economica e Zhang non vuole sentir parlare di aumenti, ma di tagli. Ecco perché diventa impossibile triplicare il compenso di Lautaro, che a questo punto può anche finire sul mercato. L’Inter non esclude nulla, dovesse arrivare un’offerta irrinunciabile, i nerazzurri potrebbero anche venderlo, anzi, meglio questa estate che la prossima, quando il calciatore sarebbe a un anno dalla scadenza. L’attaccante argentino piace all’Arsenal ma da viale della Liberazione, a ragion veduta, sparano altissimo: serve una proposta “Indecente”, con la i maiuscola. Cifra che contrariamente a quanto avvenuto con la cessione di Hakimi (i 70 milioni ricavati dalla vendita del marocchino sono serviti a ripianare) Ausilio userebbe per rinforzare la squadra, in primis con il sostituto di Lautaro. In tal senso Vlahovic è quello che piace di più in viale della Liberazione.
IL SONDAGGIO DELL'ARSENAL - Ma parliamo di cifre altissime, che a Milano credono nessuno presenterà in questa sessione di mercato. E a quel punto ogni discorso cadrebbe ancor prima di iniziare. Ma è giusto tenere gli occhi aperti, perché l’Arsenal un primo sondaggio lo ha fatto e il calciatore già da tempo offre qualche segnale di insofferenza. Vuole guadagnare più soldi, è un suo diritto per quanto espresso in campo, ma l’Inter oggi non può dargliene. Se dalla Premier qualcuno si presentasse con la giusta offerta per l’Inter e 7 milioni l’anno per lui… Tutto potrebbe accadere. Non esistono incedibili, né all’Inter, né nell’altro 98% dei club europei. Lautaro è sul mercato, ma chi vorrà comprarlo dovrà fare una follia.