5
All'Inter non è stato in grado di lasciare un segno tangibile, anzi ha rappresentato il classico investimento sbagliato e oggi è una delle voci più pesanti nell'elenco dei costi. Nè con Mazzarri nè con Mancini, con cui il feeling non è mai sbocciato, Nemanja Vidic è riuscito ad essere quel punto di riferimento sul piano tecnico e della personalità che avrebbe dovuto far dimenticare l'addio di una colonna della difesa per tante stagioni come l'argentino Samuel. I problemi fisici e il logorio per gli anni ad alto livello in Inghilterra hanno fatto il resto e in questa stagione il serbo non ha visto mai il campo, complice un'operazione di ernia del disco che lo terrà lontano dai campi fino a gennaio. Al suo rientro, invece dei campi di allenamento di Appiano Gentile, potrebbe essere Washington la sua nuova casa e la MLS il suo nuovo campionato. Stando a quanto riporta l'emittente serba Radio Televizija BN, il futuro di Vidic è nel DC United, club di proprietà del presidente nerazzurro Erick Thohir. Il rapporto tra i due è ottimo, tanto che il suo acquisto fu spinto proprio dal tycoon indonesiano, che voleva un giocatore che aumentasse la popolarità dell'Inter in Asia, dove l'ex Manchester United è molto noto. Legato al club di Corso Vittorio Emanuele fino a giugno 2016 e con opzione di rinnovo per un'altra stagione, Vidic potrebbe decidere di rescindere per poi firmare con la franchigia statunitense e consentire all'Inter di risparmiare parte dei 7 milioni di euro lordi che il difensore dovrebbe percepire fino al termine della stagione.