13
Torna a parlare Javier Zanetti. Il vicepresidente dell'Inter si è fermato ai microfoni di NoviList dopo la partita di Inter Forever a Fiume: "L'Inter è sempre stata una famiglia grande e unita. Adesso siamo in un momento di crisi, ma nel calcio i cicli sono normali. Mi hanno aperto le porte quando ero giovane, dopo quattro anni mi hanno dato la fascia di capitano che ho portato per 15 anni. Adesso ho un nuovo ruolo da vice presidente, e posso monitorare anche l'attività di Fondacion Pupi". 

Dalla Croazia, Zanetti non può non parlare di due talenti croati: "Perisic e Brozovic? Sono due grandi giocatori, siamo felici che siano parte dell'Inter perché sono due elementi di classe. Credo che potremmo darci una mano ad aiutarci ancora di più, per loro stessi, per l'Inter e per la Nazionale croata. Kovacic? Con lui siamo rimasti in buoni rapporti. E' andato via d'accordo con l'Inter raggiungendo un grande club come il Real Madrid. Ha una grande carriera davanti a sé, questo è l'importante. In generale, il calcio croato sta confermando il proprio valore. Una grande scuola sin dal momento dell'indipendenza. Noi siamo felici dei nostri due. Maradona e Mourinho? Hanno visioni diverse del calcio. Ma non dimentichiamo che Maradona ha dato tantissimo all'Argentina, come Mourinho per il mondo del calcio. La mancata convocazione al Mondiale del 2010? Scelte di Maradona, io non potevo farci nulla, solo ero un po' deluso perché ho giocato tutti i match di qualificazione. So di aver dato tutto, ma non saprò mai perché non fui convocato. Ranieri? E' stato mio allenatore all'Inter. Il suo lavoro testimonia come la figura del tecnico sia importante ma non dimentichiamo che ci sono anche i giocatori e lo staff. Nessuno è un'isola, quando si marcia tutti insieme è più facile raggiungere l'obiettivo", riporta FcInterNews.it.