Commenta per primo
E2! Colpita e affondata. Siena si conferma città amica per il destino dell'Inter, che vince il secondo titolo della stagione. Dopo la Coppa Italia arriva lo Scudetto, il quinto di fila. In entrambe le competizioni nazionali la rivale da battere è stata la Roma, a cui va comunque l'onore delle armi per una rimonta che ha dato maggior valore al successo nerazzurro. Sui campionati degli ultimi anni c'era la firma di Ibra, invece stavolta è davvero difficile individuare un unico uomo-simbolo. Basti pensare ai vari Milito, Eto'o, Zanetti, Cambiasso, Samuel, Maicon e via dicendo. Vuol dire che finalmente l'Inter è diventata una vera squadra. Merito di Mourinho, ma non solo. Memore dell'affare Quaresma, la scorsa estate Moratti non ha accontentato in tutto e per tutto il tecnico portoghese, che aveva chiesto i connazionali Deco e Carvalho: al loro posto sono arrivati Lucio e Sneijder... Sempre il Chelsea, grazie alla vittoria di Londra, ha poi segnato la svolta dell'Inter anche in Europa. Ora manca solo la ciliegina sulla torta. Per rendere leggendaria una stagione comunque indimenticabile, sabato a Madrid gli eroi nerazzurri dovranno firmare l'ultima impresa e regalare ai tifosi interisti una Coppa attesa quasi mezzo secolo. Forza ragazzi!