393
Un intrigo internazionale vero e proprio, quello legato a Kaio Jorge. Dal quale sta uscendo vincitrice la Juventus grazie a un blitz in piena regola effettuato negli ultimi giorni. Per mesi il suo entourage guidato dall'agente Giuliano Bertolucci ha lavorato per portarlo in Europa, possibilmente in Italia. Un grande salto in realtà programmato già un anno fa, prima della pandemia proprio la Juve si trovava in pole con contatti diretti e ben avviati con il Santos, c'era distanza tra domanda e offerta, ballava qualche milione, ma a spazzare via la trattativa è stata la crisi. Nel frattempo il contratto di Kaio Jorge si è avviato alla scadenza, rendendo più semplice il lavoro di Bertolucci: la richiesta da quasi 30 milioni è scesa rapidamente a 15, poi a 10, infine a 5. Perché di rinnovo non si parlava, nonostante la volontà del giocatore di non lasciare il Santos con un pugno di mosche in mano, la possibilità di ingaggiarlo dopo la scadenza del contratto (il prossimo 31 dicembre) ha messo tutti i club interessati in posizione di vantaggio. Così la corsa a Kaio Jorge si è progressivamente divisa tra chi puntava ad avere un accordo col giocatore e chi col club. Contatti avviati anche in Italia con Napoli e Milan oltre che con la Juve, in Europa anche con Benfica, Atletico Madrid e Bayer Leverkusen. Ma a un certo punto la corsa sembrava ormai ridotta a due club. Il Milan, che aveva accontentato tutte le richieste di Bertolucci per avere Kaio Jorge a fine contratto, dando la propria disponibilità a garantire un conguaglio di un paio di milioni al Santos per anticipare l'arrivo di sei mesi. Il Benfica, che aveva trovato l'accordo col club brasiliano per circa 5 milioni di euro. Poi in tutto questo ha fatto irruzione la Juve ed è cambiato tutto.
IL BLITZ - Un'offerta irrinunciabile per Bertolucci e Kaio Jorge, questo ha fatto la Juve. Tanto da convincere il giocatore a fare marcia indietro rispetto all'intesa già raggiunta col Milan, ma anche di rifiutarsi di concludere le trattative col Benfica nonostante la richiesta del club. Così nella giornata di lunedì la Juve ha comunicato al Santos di avere intenzione di avviare quei dialoghi con Kaio Jorge che in realtà avevano già avuto la loro fumata bianca. Niente Benfica, quindi. Nemmeno Milan, che pure non molla ancora la presa, ribadendo la propria offerta senza partecipare ad aste, aspettando un segnale definitivo dal giocatore. Dal Brasile intanto si assicura di un pre-accordo addirittura già firmato con la Juve, che a questo punto si sente di avere in pugno Kaio Jorge, giocatore bloccato per gennaio in attesa di capire senza fretta cosa fare in queste ultime settimane di mercato. Salvo nuovi colpi di scena, che sarebbero ancor più clamorosi dei precedenti. E che potrebbero avere risvolti rossoneri, sulla base di una parola data non più tardi di 48-72 ore fa.