2
Intervistato da Sky Sport 24, Filippo Inzaghi parla anche della cosiddetta ‘maledizione della maglia numero 9 del Milan’, che dopo di lui non ha più trovato un bomber all’altezza di indossarla con onore e, soprattutto, gol: “A me viene da sorridere, mettere la maglia numero 9 del Milan è dura per tutti, ma la maledizione non esiste. Se la maglia 9 la mettesse Ibrahimovic la maledizione è già finita, come quando io avrei dovuto avere la maledizione di Van Basten e Weah. Non era giusto ritirare la mia maglia, non è stata ritirata a Van Basten, è una maglia importante che ritornerà a fare gol".

Sul fratello Simone: “E' più bravo di me in tutto, da Simone c'è tutto da imparare, è un allenatore moderno. Vedere la Lazio è uno spettacolo, Simone mi ha stupito in tutto. E' un ragazzo serio e i ragazzi serie meritano queste soddisfazioni".