100
Minacce choc da parte dell'Isis in merito al Mondiale di Russia, in programma nella prossima estate: attraverso uno dei suoi organi di propaganda lo Stato Islamico ha diffuso in Rete un fotomontaggio shock di Lionel Messi, campione del Barcellona, che piange lacrime di sangue dietro alle sbarre, insieme alla frase: "State combattendo uno stato che non conosce la parola fallimento nel suo dizionario": di nuovo l'ombra del terrorismo islamico sul Mondiale di Russia, che prenderà il via il prossimo 14 giugno.

MINACCE DIFFUSE - Tramite la Wafa Media Foundation infatti l'Isis ha infatti lanciato un messaggio ben preciso: "You are fighting a state that does not have failure in it's dictionary". Non si tratta del primo messaggio inquietante: su Telegram, applicazione di messaggistica istantanea spesso usata dai militanti dello Stato Islamico, circola infatti da tempo l'immagine di un combattente dell'Isis armato di kalashnikov e con accanto una bomba innescata, mentre sullo sfondo si vede chiaramente il profilo della Volgograd Arena, uno degli stadi che ospiterà i campionati mondiali di calcio, accanto alle inquietanti parole "Wait for us" ("aspettateci") scritte in arabo. Non è finita: in un altro manifesto si vede un terrorista armato che osserva il Luzhniki Stadium di Mosca, dove il 15 luglio 2018 si giocherà la finale del Mondiale. Le premesse fanno paura.