493
Mercoledì fischi (non solo) e sconfitta: si è parlato più dei primi che del ko con la Spagna. Domenica applausi, fascia di capitano, vittoria. E anche un gol sotto le gambe, non da lui. La settimana azzurra di Gigio Donnarumma è arrivata alla conclusione, forse è meglio così. Perché se la ricorderà a lungo, non nel modo in cui avrebbe voluto. La contestazione subita a San Siro, volente o nolente, ha lasciato il segno così come il fatto che alla fine non sia arrivato un sostegno totale da parte successivamente: il partito di chi pensava che tutto sommato fossero solo fischi come conseguenza di una scelta, è rimasto piuttosto affollato.

CAPITANO - Ma per voltare pagina, modo migliore di una partita da disputare a ventidue anni con la fascia di capitano della Nazionale al braccio, forse non c'era. E chissà che le scelte di formazione del ct Roberto Mancini non siano andate proprio in quella direzione, per lasciare a Donnarumma lo status di capitano come giocatore con più presenze: a proposito, sono già 38 con 19 gol subiti, per un curriculum azzurro che si completa con l'Europeo e il trofeo di miglior giocatore della competizione. C'è di peggio insomma.
LA PARTITA – Al di là della fascia, è stata in assoluto una domenica più tranquilla. Applaudito e acclamato come tutti alla lettura delle formazioni (carico di entusiasmo per i padroni di casa Federico Chiesa e Manuel Locatelli), ha ricevuto qualche urlo di incoraggiamento isolato prima e durante la partita a cui ha risposto ringraziando. Non è allo Juventus Stadium che può essere contestato d'altronde, qui semmai è vissuto come un rimpianto di mercato e sarebbe stato accolto a braccia aperte. Poi la partita è cominciata, non è mancato un pizzico (bello grande) di fortuna a Gigio, considerando le due traverse e il palo su cui si è andato a stampare il Belgio. Anche una super parata, anzi due, su Alderweireld, prima di capitolare nei minuti finali al tunnel sporco di De Ketelaere che ha fissato il risultato sul 2-1. Un gol subito non propriamente da Donnarumma, ma che cambia poco rispetto a ciò che doveva ritrovare in questa occasione. Solo un po' di sostegno. Per il resto, ha spalle larghe.