L'Italia di Roberto Mancini ora fa sul serio: questa sera alle 20.45 ha preso infatti il via il cammino degli Azzurri nelle qualificazioni per Euro 2020, con il primo incontro della prima giornata del girone J. La Nazionale muove i primi passi con la doppia sfida a Finlandia e Liechtenstein: il primo appuntamento è andato in scena allo Stadio Friuli di Udine ed è terminato 2-0 con le prime reti in Nazionale di Barella e Kean (secondo più giovane marcatore della storia dell'Italia), un match che consente di partire di slancio nelle qualificazioni, per poi confermarsi nella partita di Parma di martedì 26 marzo contro il Liechtenstein. Azzurri che dominano il match, senza mai soffrire troppo tranne che su un errore di Bonucci su Pukki, ma non propongono un grande gioco: oltre alle due reti, Barella con deviazione del crotonese Vaisanen e Kean su splendido assist di Immobile, l'Italia va vicino al gol con Piccini e lo stesso Kean. Sono 14 i precedenti tra Italia e Finlandia con 12 vittorie per gli Azzurri, un pareggio ed un solo ko, nei Giochi Olimpici del 1912. Dopo aver perso il primo confronto ai Giochi Olimpici del 1912 (2-3), l’Italia è rimasta imbattuta nelle successive 13 sfide contro la Finlandia (11V, 1N). L’unico pareggio è arrivato alle qualificazioni dell’Europeo 1976 (0-0). L’Italia ha subito una sola rete nelle ultime 11 partite contro la Finlandia (6-1 nell’ottobre 1977). Dopo averne incassate sei nelle prime tre. L’Italia è imbattuta nelle ultime 31 partite di qualificazioni al Campionato Europeo (25V, 6N). Ha segnato 57 reti e ne ha subite 14 nel parziale. L’Italia ha mantenuto la porta inviolata nelle ultime quattro partite. Fabio Quagliarella torna a disputare una partita in Azzurro a distanza di 3048 dall’ultima presenza (17/11/2010 contro la Romania)