675
Non basta un punto all'Italia di Giampiero Ventura per avere l'aritmetica certezza di accedere al play-off per conquistare un posto al prossimo Mondiale di Russia, quello arrivato nel match di Torino contro la Macedonia. Servirà vincere contro un'Albania già eliminata per non correre il rischio di non essere una delle migliori seconda che a novembre se la giocherà in una doppia sfida in cui il coefficente Uefa farà la differenza circa la caratura del nostro avversario.
Alla rete di Giorgio Chiellini nel finale del primo tempo, ha risposto a 13' dalla fine il palermitano Trajkovski, imbeccato da una gran palla di Pandev: un risultato che non cancella, anzi, è destinato ad aumentare le critiche e la pressione sul nostro ct, che perde l'occasione di migliorare il ranking, che ci consentirebbe di arrivare allo spareggio dei sorteggi con qualche chance in più di essere testa di serie ed evitare alcune insidie.

L'Italia, priva di Belotti al centro dell'attacco e di due pedine fondamentali in mediana come Verratti e De Rossi, si schiera con un 3-4-3 in cui fa la sua ricomparsa il terzetto difensivo della Juve che fu (Barzagli, Bonucci e Chiellini), con Insigne e il debuttante Verdi a sostegno di Ciro Immobile. Gli Azzurri faticano tremendamente a fare gioco, visto che nè Gagliardini nè Parolo hanno caratteristiche da playmaker e così il solo Insigne prova a mettere un po' di qualità, come in occasione della palla filtrante che, al 44°, pesca Immobile, che a sua volta offre a Chiellini l'assist per il facile tocco che vale il suo ottavo centro in azzurro e il vantaggio dell'Italia.

A inizio ripresa, entra subito Rugani per l'acciaccato Barzagli, ma soprattutto non rientra in campo la nostra Nazionale, sempre lenta e prevedibile nel suo incedere e desiderosa più di gestire il risultato che affondare i colpi. Nemmeno Bernardeschi e l'altro esordiente Cristante suonano la carica, mentre è azzeccata la mossa del ct macedone Angelovski, che inserisce Trajkovski al posto di Hasami e trova al 77° l'inaspettato pareggio. Il finale non regala più emozione e così, grazie al netto successo della Spagna, con l'Albania sarà solo una passerella nella sfida di lunedì prossimo, ma l'obiettivo sarà necessariamente quello di conquistare i 3 punti per migliorare il ranking e ridare smalto all'immagine mai così sbiadita dell'Italia.


Qualificazioni ai Mondiali, gruppo G

ore  20.45

Italia-Macedonia 1-1
40' Chiellini (I), 77' Trajkovski (M)

Classifica: Spagna 22; Italia 19; Albania 13; Israele 9; Macedonia 7; Liechtenstein 0.


LE FORMAZIONI UFFICIALI

ITALIA: Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Zappacosta, Parolo, Gagliardini, Darmian; Verdi, Immobile, Insigne.

MACEDONIA: Dimitrievski; Ristovski, Musliu, Velkoski; Radeski, Spirovski, Bardi, Alioski; Pandev, Nestorovski, Hasani.


LA CRONACA

7' OCCASIONE ITALIA! Grandissima doppia combinazione nello stretto tra Immobile e Insigne, poi l'attaccante del Napoli conclude sul corpo di Dimitrievski.

17' SI FA VEDERE PANDEV: l'attaccante del Genoa riceve palla da rimessa laterale, supera Darmian con un pallonetto e conclude al volo di sinistro, para a terra Buffon

36' ANCORA INSIGNE PERICOLOSO: un cross dalla trequarti di Parolo libera Insigne a centro-area, ma il colpo di testa del 10 azzurro è troppo centrale.

37' CHE CHANCE PER ZAPPACOSTA: altra iniziativa di Insigne, che disegna un assist geniale per l'inserimento di Zappacosta, il cui sinistro da buona posizione termina a lato.

40' GOL DELL'ITALIA: altra grande palla nel corridoio di Insigne che sorprende la difesa della Macedonia, Immobile la mette al centro e Chiellini va a segno da due passi.

42' BONUCCI, CHE RISCHIO: il difensore del Milan sbaglia un disimpegno, ma per nostra fortuna Nestorovski si fa chiudere da Chiellini all'ultimo momento e porta a casa solo il calcio d'angolo.


SECONDO TEMPO

46' FUORI BARZAGLI: subito un cambio per l'Italia a inizio ripresa, con l'ingresso di Rugani per l'acciaccato Barzagli, che nel finale del primo tempo ha subito un colpo.

64' TOCCA A BERNARDESCHI: quasi allo scadere della prima metà del secondo tempo, Ventura inserisce l'attaccante della Juventus al posto di un Verdi non particolarmente convincente.

71' NESTOROVSKI FA PAURA: colpo di testa troppo centrale del giocatore del Palermo ben bloccato da Buffon, ma per fortuna l'azione era viziata da una posizione di fuorigioco.

74' DEBUTTA CRISTANTE: ultimo cambio per Ventura, che toglia dal terreno di gioco Gagliardini e inserisce l'atalantino Cristante, alla sua prima gara in azzurro.

77' PAREGGIA LA MACEDONIA: grande filtrante di Pandev per Trajkovski, che approfitta del buco di Darmian e trafigge in diagonale Buffon.

82' BERNARDESCHI VICINO AL GOL: azione personale di Bernardeschi, concluso da un sinistro che termina di poco a lato