7
Il ct azzurro Roberto Mancini parla in conferenza stampa alla vigilia di Italia-Polonia, primo match in Nations League: "Formazione? Ho già deciso, ma mi sembra giusto che prima la sappiano i calciatori. Dopo che l'ho detta, domani, lo farò anche con voi".

EMOZIONE - "Quando ho esordito ero emozionato ovviamente, domani è la prima gara ufficiale ed è chiaro ci sia un sentimento particolare".

CRISCITO - "Sta abbastanza bene, sta recuperando da un problema di un mese fa".

BALOTELLI - "Mi preoccupano quelli che han giocato meno in questo inizio di stagione. Dopo tre giornate i calciatori non sono al massimo della condizione, giocando due partite in tre giorni faremo cambi".

PERANI E BURGNICH - "Il primo mi prese da ragazzino, il secondo mi fece esordire: non smetterò mai di ringraziarli".

PARTITE PRECEDENTI - "Non è importante il modulo, ma l'atteggiamento che la squadra ha. A giugno è andata abbastanza bene, al di là del momento e dei giocatori stanchi".

GIRONE DA VINCERE - "Meglio giocare per i tre punti rispetto alle amichevoli. Credo possa servire a noi, abbiamo tanti ragazzi giovani e sono giocatori abbastanza esperti, è una cosa positiva. Ci sono in palio tre punti importanti, credo sia una bella cosa e cercare di vincere per questo gruppo".

MENTALITA' - "Dobbiamo giocare per attaccare e vincere, speriamo di farlo il più in fretta possibile: l'Italia non si è qualificata non facendo gol alla Svezia, a volte capita di non sfruttare le occasioni".

PUNTI - "Non abbiamo tempo da perdere, dobbiamo cercare di fare il più possibile per quanto difficile. Qualche problema c'è, ma va bene così: è un torneo che può darci soddisfazioni".

DE ROSSI - "Con Daniele ho parlato, fa parte di quella serie di giocatori importanti, con esperienza, cui potremmo ricorrere durante le qualificazioni. Non abbiamo bisogno di chiamarlo perché lo conosciamo benissimo".