Giornata di vigilia per l'Italia di Roberto Mancini, che domani sera affronterà la Polonia in una sfida già decisiva per il futuro in Nations League degli azzurri. LIVE su Calciomercato.com le parole del commissario tecnico in conferenza stampa:

SUI PRIMI MESI DA CT -  "Questo percorso è iniziato a maggio, bisogna mettere insieme questa squadra e portarla all'Europeo. Il Portogallo per ora è una squadra migliore ed è giustamente in testa e probabilmente, anche se nel calcio non si sa mai, ci giocheremo il secondo posto con la Polonia". 

SUL PORTOGALLO - "Il Portogallo ha qualcosa in più e ha fatto un'ottima partita qui. La Polonia rimane un'ottima squadra, con giocatori di talento, non sarà una partita semplice ma ce la possiamo giocare bene".

SUGLI OBIETTIVI - "Quando abbiamo iniziato il nostro obiettivo era ricostruire una squadra e fare bella figura in Nations League, ma non c'è un altro obiettivo. Il resto si traccia più avanti, ci vuole un po' di tempo e non è semplice. Nel momento in cui riusciremo a trovare il gruppo che può fare cose ottime non avremo problemi a mettere insieme la squadra per l'Europeo".

SULL'ANDATA -  "La Polonia ha avuto poche occasioni limpide. Non meritava di più, credo che il pareggio sia stato giusto, il Portogallo invece ha meritato di vincere, ha delle certezze".

SULLA FORMAZIONE - "Per vincere serve un centravanti che faccia gol, poi servono delle soluzioni e vanno cercate. Siamo andati molto bene per 60 minuti contro l'Ucraina, poi abbiamo cambiato. Dobbiamo cercare di continuare sulla nostra strada, in cinque partite non si ricostruisce una Nazionale. Domani lo stadio sarà pieno, sarà bello giocare".
SULLA CONDIZIONE - "Un mese fa i giocatori non erano al massimo della condizione, qualcuno si poteva far male giocando due partite ravvicinate. Dovevo vedere i più giovani in una partita più difficile, ora tutti sono più avanti".

TRA CAMPO E FIGC - "Ho iniziato questo percorso poco fa, il primo obiettivo è l'Europeo. Sto benissimo con chi c'è ora in federazione, è sempre stato tutto perfetto. Bisogna cercare di fare risultato, trovando una squadra il più velocemente possibile".

SULL'ATTACCO - "Ho detto che il centravanti è importante, ma alle volte si trova una soluzione diversa, come è successo al Napoli. Però nel calcio vince chi fa gol".

SULL'EVENTUALE SCONFITTA - "Non è che se perdiamo domani non andiamo all'Europeo e non giochiamo più, può accadere alla Germania, all'Inghilterra, alla Croazia. È stata fatta questa Nations League per non prendere sotto gamba le amichevoli, ma non vedo drammi".

SU VERRATTI - "Verratti è un giocatore di buona qualità, a noi serve. Ha fatto un'ottima partita a Genova, ha bisogno del tempo per conoscere i compagni, ma non credo abbia il 100% della condizione".

SU IMMOBILE - "Il post su Instagram di Immobile non era per me, era per voi. Io sono felicissimo se continua a fare gol con la Lazio, spero li faccia anche con la Nazionale".