113
Allarme obesità infantile in Italia. In vista delle giornate mondiali contro l'obesità del 10 ottobre e dell'alimentazione del 16 ottobre, la Ong Helpcode ha pubblicato il secondo rapporto sulla malnutrizione infantile: un bambino su tre nella fascia 6-9 anni in Italia è sovrappeso o obeso, il tasso maggiore di tutta l'Europa. Sono circa 100mila i bambini obesi o sovrappeso nel nostro Paese, con una prevalenza dei maschi (21%) sulle femmine (14%). 

Le famiglie del Centro e del Sud d'Italia, con livelli di istruzione e di reddito più bassi rispetto alla media nazionale, registrano un'incidenza maggiore del fenomeno. La maglia nera va ai bambini campani (oltre il 40% sono sovrappeso e obesi), seguiti dai coetanei di Molise, Calabria, Sicilia, Basilicata e Puglia. 
A livello globale d'altra parte il numero di bambini di età inferiore ai cinque anni obesi o sovrappeso risulta in costante aumento e ha ormai superato quota 40 milioni, 10 milioni in più rispetto al 2000. 

Mohamad Maghnie, responsabile dell'UOC Clinica Pediatrica dell'Ospedale Gaslini di Genova, commenta: "Le ricerche più recenti ci dicono che è necessario intervenire nei primi tre anni di vita, per farlo dobbiamo conoscere abitudini alimentari e stili di vita dei pazienti a cominciare dalla gravidanza. Ma non basta, dobbiamo investire nell'educazione alimentare delle famiglie e nella formazione mirata dei medici". 

L'attaccante portoghese della Juventus, Cristiano Ronaldo risponde alle domande di alcuni giovanissimi lettori di Tuttosport: "Bambini, per me siete speciali. Vi guardo sempre con occhi diversi. Volete sapere se mangio le merendine? Io cerco di mangiare sempre sano, è molto importante per me. Poi ogni tanto devi toglierti qualche sfizio. Generalmente cerco di evitare dolci e alcolici. Ma i dolci ogni tanto me li concedo per staccare un po' a livello di testa. Nella routine ci sono tre cose molto importanti per un calciatore: dormire bene, mangiare bene e allenarsi bene. Peggiori se non alleni con costanza tiri, velocità e dribbling". 

"Torino è una città cool e molto carina, diversa e più piccola di Madrid, ma mi piace. Sono molto felice di essere qui. I tifosi sono davvero straordinari. Il club è ottimo, l'organizzazione al top. I calciatori sono molto buoni, umili e lavorano sodo. Insomma, la mia prima impressione è: fantastico".