13
Oggi può essere il giorno in cui il ct della Nazionale Cesare Prandelli comunichi i 23 nomi che prenderanno parte alla spedizione mondiale. L'ex allenatore della Fiorentina ha già spiegato come saranno chiamati in 25, numero che comprende due riserve: sicuro escluso Riccardo Montolivo, infortunatosi nel corso dell'amichevole con l'Irlanda dove il centrocampista del Milan ha riportato la frattura del perone della gamba sinistra.

OPERAZIONE FLASH - Riccardo Montolivo è rientrato in Italia e alle 15 è stato ricoverato alla Clinica La Madonnina di Milano dove lunedì alle ore 10 verrà operato per la frattura alla tibia sinistra dal dottor Schoenhuber. Si parla di uno stop di almeno sei mesi per il centrocampista azzurro.

L'AFFETTO DEL MILAN - Ha parlato l'amministratore delegato del Milan Adriano Galliani che a Sky Sport ha voluto manifestare tutta la vicinanza nei confronti del centrocampista dei rossoneri: "Proprio non ci voleva. Per una frattura tempo proprio che ci saranno tempi lunghi. Come poterlo consalare? Gli ho parlato subito dopo l'infortunio e gli ho ricordato che tutto il Milan, incominciando dal presidente Berlusconi, gli è vicino e lo sostiene".
Anche la società del Milan ha voluto esprimere in maniera ufficiale gli auguri a Montolivo, sul sito della società: "In bocca al lupo Riccardo. Tutti ma proprio tutti i milanisti sono vicini al nostro Riccardo Montolivo. Forza caro Monto! Ti aspettiamo!".

TWEET DEI COMPAGNI - Tantissimi i messaggi sui social network rilasciati dai compagni di squadra e della Nazionale a Riccardo Montolivo. Ecco quello di Mario Balotelli: "@OfficialMonto torna presto ! Siamo con te!".
"Non mollare amico mio... tanti auguri di buona guarigione mi dispiace tantissimo ma sei un guerriero..forza": questo il messaggio di Domenico Criscito, escluso dai convocati per il Mondiale, che ha voluto manifestare il suo affetto su Twitter a Montolivo.
Nasce anche l'hashtag #FORZARICCARDO.

PARLA DE ROSSI - In conferenza stampa è intervenuto Daniele De Rossi, parlando all'indomani del pareggio rimediato dall'Italia in amichevole contro l'Irlanda.
Sull'infortunio di Montolivo: "Oggi è un giorno triste. Nel mondo del calcio non c'è cosa più brutta di un infortunio, soprattutto alla vigilia di una competizione che aspetti per tanti anni. Perdere uno come Montolivo, uno dei vecchi, degli storici, fa veramente male. Riccardo è un ragazzo sempre positivo e corretto, dispiace ancora di più. Ci ho parlato ieri sera, sta male: sta come starei io se avessi avuto un incidente del genere, che ti costringe a riparlare del Mondiale tra quattro anni. A quattro giorni dalla partenza per il Brasile, un infortunio del genere ti sa anche di beffa di scherzo del destino".

Sul fatto se sia ottimista o meno: "Sono ottimista a prescindere dalla partita di ieri: sapevo che avrebbe dato delle indicazioni, ma non delle conferme, se non quella che potevamo essere un po' in difficoltà perché abbiamo lavorato tanto in questi giorni"

Su Cassano: "Porta qualità, mette al servizio della squadra il suo estro, anche la sua personalità. Comincia ad avere trentadue anni, quindi deve, a tutti i costi al di là delle giocate, mettere qualcosa di più. Il fatto che sia stato fuori per parecchio non si è sentito per niente"

Su Benatia: "Anche io lo scorso anno sono stato disturbato dal mercato. La cosa importante è che ieri Sabatini ha parlato del Benatia uomo, calciatore, professionista, della sua voglia che ha sempre messo in campo nella Roma. Non so come finirà, ma, se dovesse rimanere alla Roma, nessun tifoso lo guardi con gli occhi storti, perché ha dato, oltre a quello che si è visto in campo, più di noi romani dal punto di vista umano"

Su Verratti e Darmian: "Hanno fatto una bella partita ed è evidente. Verratti, come Cassano, ha sempre dimostrato personalità da quando aveva vent'anni. È quasi un bambino, ma è già un giocatore di calcio. Il fatto che faccia la Champions da tre anni, è un vantaggio per lui e per noi. Darmian, un po' come De Sciglio, ha dato l'impressione di essere subito pronto per giocare in Nazionale"

Su Chiellini: "Sarebbe stato assurdo perdere un Mondiale per quel gesto. Si possono creare delle strumentalizzazioni, perché non è molto chiaro giudicare un atto violento piuttosto di un altro. Quando sono stato punito io, credo che fosse giusto per il codice etico. Ma un giocatore non può perdere un Mondiale per il gesto di Chiellini. Sono contento che sia qui"

Sul rinnovo di Garcia: "Sono contento, credo che sappiate che qualunque romanista deve essere contento di questo rinnovo. Ero sicuro che sarebbe rimasto perché gliel'avevo chiesto e mi aveva detto di si. Non credo che mi avrebbe mentito"
Sull'obiettivo al Mondiale: "Colloco l'Italia tra le squadre che possono vincere il Mondiale o arrivare fino in fondo. L'Italia è maestra quando arrivano queste manifestazioni: se non si parte per provare a vincere diventa anche difficile farlo. Anche in Sudafrica partivo fiducioso, poi il campo parla chiaro e dimostra quello che vali. Forse in Sudafrica valevamo quello, o, se non quello, poco di più. Questo è un gruppo che si sta unendo sempre di più e l'infortunio di Montolivo, pur essendo una grande tegola, potrebbe unirci ancora di più"

Sull'ambiente intorno all'Italia: "Non ricordo Europei o Mondiali dove siamo partiti tra ali di folla entusiaste non solo per noi, ma per il calcio italiano. Non c'è quel l'entusiasmo che hanno in Brasile, ma si creerà perché è sempre stato così e perché sono sicuro che questa è una Nazionale che, nonostante abbia diviso per le convocazioni ed il codice etico, è indiscutibile".

Su Aquilani: "È un giocatore di qualità, come Montolivo, che ha calcio, inserimento e visione di gioco. Merita il Mondiale, come se lo meritano tutti gli altri, a prescindere dall'infortunio di Montolivo"

Sulla Nazionale: "Potrebbe essere la Nazionale della qualità, perché ci sono tanti giocatori di palleggio. Il calcio che abbiamo espresso in questa gestione ha sempre sfruttato questi giocatori. Abbiamo lavorato tanto sul piano fisico ed è stato stimolante per noi, a maggior ragione se un domani vorrai fare l'allenatore. Questa preparazione non sarà stata fatta invano"

Sul debutto con l'Inghilterra: "Sicuramente ci attenderà una partita diversa da tutte le altre della nostra carriera: giocheremo in condizioni climatiche disastrose e troveremo una squadra di qualità ed esperienza. Sarà sottile il vantaggio che ci possiamo prendere per il discorso climatico. L'Inghilterra ci ha messo in difficoltà anche due anni fa, quando all'Europeo abbiamo vinto solo ai rigori".

Su Prandelli: "Lo vedo abbastanza simile a due anni fa. Non ha mai stravolto il suo credo calcistico e credo che questo sia un bene, perché è uno dei migliori allenatori che abbia avuto. È una persona mai sopra le righe, serena, tranquilla, diverso da altri allenatori"

Sulla lista dei 23: "Spero che non si faccia condizionare per qualsiasi giocatore basta il suo cuore. Spero che faccia della valutazioni in base per quello che sia il meglio della squadra. Si gioca tanto anche lui, non credo che si voglia rovinare con le sue mani per scegliere in base alle simpatie"

CASTELLACCI SUGLI INFORTUNI - Il professor Enrico Castellacci, appena rientrato da Milano dopo aver accompagnato Montolivo, ha parlato delle condizioni fisiche di alcuni giocatori della Nazionale: "Balotelli ha dei problemini muscolari agli adduttori e ai flessori. Un po' li aveva già quando è arrivato a Coverciano. In questi giorni ci sono stati dei sovraccarichi di lavoro che un po' hanno influito".
Su Montolivo e Aquilani: "Riccardo è un ragazzo eccezionale e ha mostrato grande forza d'animo. Ha accettato la realtà ed è pronto per affrontare l'intervento. Tornerà più forte di prima, ma per rivederlo in campo ci vorrà qualche mese. Aquilani ha subito un trauma cranico con piccolo stato commotivo. La Tac ha dato esito negativo. E' tutto a posto".
Sugli altri problemi fisici dei giocatori: "Romulo, come Balotelli, ha fastidi agli adduttori. Paletta è in recupero dal guaio al polpaccio. Barzagli è attento e sa gestire benissimo il proprio fisico".

LEGGI LE 32 SCHEDE DI PRESENTAZIONE DELLE NAZIONALI DI BRASILE 2014