68
MR per risollevare l'Italia in crisi. Il premier Matteo Renzi è al lavoro per risolvere gli innumerevoli problemi del nostro bel Paese, mentre la Nazionale di calcio può e deve ripartire da mister Roberto Mancini come nuovo ct. E' lui l'uomo giusto per il dopo Prandelli, dimessosi da vero uomo dopo il fallimento al Mondiale in Brasile. Maturato dalle esperienze in Inghilterra e in Turchia, l'allenatore ex Inter possiede tutte le carte in regola per impegnarsi in questa nuova avventura, tanto affascinante quanto difficile. I soldi non sono un problema, infatti il Mancio è pronto ad accettare un ingaggio inferiore ai suoi standard perché ha tanta voglia di guidare quella Nazionale in cui non è mai riuscito a imporsi da giocatore. Non a caso nel suo contratto col Galatasaray aveva fatto inserire una clausola, che gli avrebbe permesso di svincolarsi in caso di chiamata della Figc. Allegri? No, grazie. 

TUTTI I NOMI - Il nuovo ct dell'Italia dovrà far rinascere un movimento in crisi e ricostruire uno spogliatoio spaccato, come dimostrano le dure parole di Buffon e De Rossi contro Balotelli. Quest'ultimo, che non ha mai nascosto di trovarsi bene con Mancini, rappresenta il principale punto di domanda: bisogna ancora puntare su di lui o no? Invece la prima certezza è Verratti, erede designato di Pirlo, che ha dato l'addio alla Nazionale. Tornando in attacco, ci sarà spazio per i due grandi esclusi in Brasile: Destro e Giuseppe Rossi oltre al giovane talento Berardi. In mezzo al campo serve maggiore dinamicità, che può garantire Florenzi, per il resto porte chiuse agli 'oriundi' Paletta e Thiago Motta.

FIGC - Sullo sfondo resta la questione delle dimissioni di Abete. Chi prenderà il suo posto alla guida della Federcalcio? Entro lunedì ci sarà il consiglio federale: probabilmente il vicepresidente vicario Tavecchio farà da traghettatore fino all'assemblea elettiva del prossimo 11 agosto. Gli altri candidati sono Albertini, Abodi (presidente della Lega calcio di serie B) e Ghirelli (direttore generale della Lega Pro). Il presidente del Coni, Malagò segue il tutto con attenzione e in caso di necessità è pronto a intervenire commissionando la Figc con Pancalli

L'ingloriosa uscita dell'Italia dal mondiali, rende ancora più interessante questa speciale classifica sugli slogan più ridicoli scelti dalle nazionali partecipanti a Brasil 2014... comunque siamo in buona compagnia!