147

Bentornato, Kakà! E complimenti al Milan, cioè a Galliani, che l'affare l'ha fatto due volte: quando l'ha venduto per 63 milioni nel 2009 e adesso che l'ha ripreso, pagando 10 milioni di euro per il cartellino.

C'è di più. Il brasiliano ha rinunciato a 12 milioni di euro pur di giocare ancora in rossonero. Questa sì che è una scelta di vita. Kakà ha parlato con i fatti, confermando di essere una persona seria che, quattro anni fa, vide sacrificato il proprio futuro milaista dalle esigenze di bilancio che imposero  a Via Turati la sua cessione.

Ora torna alla base e, comunque vada, sarà un successo. In questo calcio mercenario dove ci sono personaggi che baciano la,maglia dopo un gol e magari la cambiano per tre volte in dodici mesi, Kakà merita un applauso.

E' evidente che le prossime dieci generazioni della sua famiglia non avranno problemi economici e che, pur decurtandosi l'ingaggio di ltre la metà, non morirà di fame. Ma, se avesse voluto rimanere al Real, Kakà avrebbe potuto farlo, garantendosi 20 milioni in due stagioni. Ha computi un gesto da vero tifoso del Milan. Chapeau.

Xavier Jacobelli

Direttore Editoriale www.calciomercato.com