Commenta per primo

Le parole di Stevan Jovetic dal ritiro di Cortina:

Come stai?
"Sta andando tutto bene. Sono molto soddisfatto del lavoro svolto fino ad adesso. Ho lavorato sodo durante tutte le vacanze".

Te la senti di indossare la maglia numero dieci?
"Si, ma il mio numero preferito è l'otto".

Rinnoverai a breve il tuo contratto con la società?
"Ho parlato con la società prima dell'infortunio subito la scorsa stagione, ma penso che nei prossimi mesi sicuramente ci rivedremo per riparlarne".

Sarai disponibile per l'inizio del campionato?
"Sto bene, ma siamo solo ai primi dieci giorni di ritiro. Per la prima gara di campionato sarò al cento per cento".

Che effetto fa essere diventato il vice capitano?
"Mi fa piacere, ne sono onorato. Al Partizan sono stato il più giovane capitano della società".

Calo tifosi?
"E' un peccato. Capisco il morale dei tifosi. Nelle ultime stagioni sono abituati al clima europeo. Anche noi. Chiedo però loro di sostenerci in questo periodo perché solo con loro potremo tornare ai grandi livelli".

Il più bel ricordo in Europa?
"Tanti. In particolare la gara contro lo Sporting".

Obbiettivi?
"Chiudere in doppia cifra".

Sarai tu il rigorista?
"Spero di si. Deciderà il mister".

Mutu?
"Gli auguro una grandissima stagione, sono sicuro che a Cesena farà bene".

Ljajic?
"Per me è come un fratello. Conosco Adem da tempo, ha potenzialità enormi. La scorsa stagione per lui è stata dura. Le pressioni non hanno giocato sicuramente a sua favore. Quest'anno lo vedo più serio e motivato".