47
Nonostante la sconfitta, Allegri si presenta tranquillo ai microfoni di Mediaset: “Non sono preoccupato, non ho da rimproverare niente ai ragazzi. Abbiamo preso cinque contropiede. Magari qualcuno mi darà del matto, ma i ragazzi hanno fatto bene. Ce la faremo a risalire. Mercoledì abbiamo una partita importante in Champions e pensiamo a quella. Abbiamo giocato contro un buon Napoli, stasera sono sereno. Dopo la sosta torneranno anche gli infortunati”. 

Poi Allegri si scalda: “Faccio l’allenatore, sono sempre nel mirino. In tanti aspettavano questo momento, ora inizio a divertirmi anch’io. Nel calcio ci sono anche i momenti di difficoltà, bisogna superarli. Cinque punti sono pochi, bisogna iniziare a vincere. Dobbiamo lavorare, abbiamo concesso troppo al Napoli, ma ho visto personalità. Cosa manca? Mancano i punti”, risponde arrabbiato alla domanda della giornalista di Mediaset. E risponde aggressivo anche alla domanda di Ferrara, che non aveva visto miglioramenti: “Vedremo, io alla fine ho sempre avuto ragione. Quando tutti mi vogliono fare il funerale poi si ricredono. Vediamo più avanti”. Su Cuadrado: “Quando è entrato lui abbiamo giocato con due alle spalle di Zaza, uno era lui e l’altro Morata. Alla fine ha fatto il terzino. Lui aveva giocato tante partite, ora non ho molto la possibilità di cambiare molto perché abbiamo degli infortunati”.