Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha parlato a Dazn dopo la vittoria nel derby della Mole sul Torino: "L'impegno era molto difficile, giocavamo a tre giorni dalla Champions, era un derby e il Torino è in un ottimo momento di forma. Poi il campo era insidioso, questo ci ha creato difficoltà. Ma noi siamo cresciuti nel secondo tempo e abbiamo avuto diverse occasioni per raddoppiare".

SUL RIGORE - "Difficilmente guardo i rigori, Cristiano è stato bravo a tirare e segnare".

SULLO SPIRITO - "Avevo chiesto alla squadra di fare una partita di sacrificio, difficilmente sarebbe stato un match con tanti gol per le condizioni generali. Quando il Torino è calato, noi abbiamo preso in mano la partita. Il fatto che nel secondo tempo siamo in crescita, significa che fisicamente stiamo bene". A Sky, poi, Allegri ha dichiarato: "Abbiamo fatto un’altra vittoria in trasferta in un campo difficile contro un’avversaria forte. È segno di maturità, attraverso prestazioni anche meno brillanti siamo riusciti a sfruttare il momento giusto. Oggi era una bella vittoria per tenere a distanza il Napoli, la classifica vera sarà il 29 dicembre perché abbiamo degli impegni molto difficili. Perché non ho fatto i cambi? I minuti effettivi sono stati pochi, la squadra stava bene e non avevamo difficoltà. Ora la classifica non conta, quello che mi preme è far giocare chi sta trovando meno spazio ora perché sono tutti importanti. Qualcuno magari nella prossima riposerà".

SULLA CHAMPIONS - "Chi evitare nel sorteggio lunedì? Le squadre sono forti e vanno affrontate tutte, bisogna avere la fortuna di arrivare in forma a marzo, ora la squadra è in un buono stato di forma".