104
FInalmente la Champions. Massimiliano Allegri ha portato la Juve a giocarsi gli ottavi di Champions con lo scudetto già in tasca, ma l'avversario è forse il peggiore possibile: l'Atletico Madrid. Così il tecnico bianconero presenta la sfida del Wanda Metropolitano.

KHEDIRA - "Khedira non è convocato, rimane a Torino per aggiornamenti. Seguirà un comunicato della società. Non avere Khedira ci costringe a stare con quattro centrocampisti, è un giocatore di spessore internazionale".

DYBALA - "Domani gioca Dybala, così siete contenti...ora posso andar via, no? (ride). Non gioca per il gol di venerdì, perché la prestazione è stata peggiore di altre volte nonostante la vittoria col Frosinone. Credo che sarà una partita in cui ci potrà dare una grossa mano, è in una condizione ottimale, è giusto che giochi". 



ATLETICO - "Vogliamo provare a vincere la Champions come abbiamo sempre fatto. Saranno due belle partite tra due squadre che hanno un'ottima organizzazione. Simeone ha fatto un lavoro straordinario, per noi è il primo dei due match dove dovremo porre le basi per passare il turno".

CRESCITA - "Stiamo crescendo, fisicamente, psicologicamente, tecnicamente. Abbiamo fatto belle partite con buone vittorie. Stiamo entrando nella fase più importante della stagione, dove ci giochiamo un ottavo di finale di Champions e buona parte del campionato".

PARTITA - "Dobbiamo fare partita giusta, sapendo che affrontiamo squadra che ha un blocco granitico a centrocampo e che sfrutta al meglio le palle inattive. Sfida importante tra squadre che hanno avuto percorso importante in Europa".

RONALDO - "Per noi è un vantaggio, negli ultimi anni hanno vinto la Champions le squadre che avevano Ronaldo e Messi. Ma non è che hai Ronaldo e vinci". 



MORATA - "I limiti di Morata caratteriali non li conosco, io l'ho allenato quando era un ragazzo ed era cresciuto molto. E' un giocatore da partita secca, è molto pericoloso. Nella continuità ha dimostrato un lato debole, però è un giocatore importante all'interno di una rosa". 



PREVISIONE - "Domani dobbiamo cercare di comandare la partita e allo stesso tempo stare attenti alle ripartenze perché sono micidiali. Non firmo per l'1-1, ma è importante fare gol. Meglio due eh...". 



RINNOVO - "Io ho un contratto con la Juventus fino al 2020, ora siamo a 24 ore dalla partita e il problema non è il mio contratto. Sto bene alla Juventus, abbiamo una stagione importante da portare a fondo, ora c'è la Champions e poi il campionato che non è ancora chiuso".