53
Il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri ha parlato ai microfoni di DAZN dopo il pareggio contro l'Inter: "Pesa molto perchè è arrivato dopo una bella prestazione, nel secondo tempo ancora meglio. Prima del pareggio, abbiamo avuto delle azioni dove non abbiamo chiuso ed erano situazioni dove potevamo far meglio. Abbiamo giocato con più fiducia contro l'Inter, è un punto importante e ci consente di avere la possibilità - anche se dobbiamo vincere - di aumentare la striscia positiva e poi di rosicchiare prima della sosta qualche punto".

Chiesa out dall'inizio?
"Poteva essere una partita più fisica all'inizio e avevo bisogno di Kulusevski che desse pressione a Brozovic. I ritmi poi sono calati, la squadra stava migliorando anche la condizione fisica. Stasera dopo una bella partita è un bel punto ma mercoledì col Sassuolo bisogna vincere".

Il bigliettino?
"Lo ha scritto Landucci (ride ndr). Sicuramente è una cosa sulle palle inattive e la responsabilità è sua".

La Juve può avere maggior prevalenza in campo?
"Anche nel primo tempo, dove l'Inter ha giocato bene e ha alzato i ritmi, ci siamo alzati molto con Morata, Kulusevski e McKennie però siamo stati troppo frettolosi. Per dare pressione in avanti c'è bisogno che quelli in avanti la indirizzino e diano meglio la prima pressione. Questo è un passaggio in avanti che va fatto".

C'è rammarico per non essere riuscito a fare il cambio di Bernardeschi?
"Sono casualità. Bernardeschi ha detto di aspettare un attimo però in dieci si poteva anche non prendere gol. La partita è stata bella, combattuta a livello fisico e con buone giocate tecniche. Noi dobbiamo migliorare nella chiusura delle azioni".

La mancanza di fiducia da cosa dipende?
"Dipende dalle prime tre partite dove abbiamo lasciato otto punti su nove e ci ha un po' condizionato. Si doveva ripartire dalle basi, ovvero da una buona tenuta difensiva. Su questo bisogna lavorarci, è questione di autostima. Anche stasera abbiamo concesso poco e se davanti siamo aggressivi, dietro giocano con la pipa in bocca".
Kaio Jorge?
"E' sveglio, sa dove andare. Ha buona tecnica. Ha ottime possibilità di trovarsi spazio e far bene. Ha personalità".

Arthur?
"E' un giocatore straordinario, ha una proprietà di palleggio importante".

Cosa porta a casa da questa partita? - ""Manteniamo la distanza dall'Inter e la striscia positiva in stagione. Siamo ancora lontani dalla vetta e per questo ci vuole pazienza".

E' soddisfatto dall'impatto di Dybala? - "Paulo ha qualità straordinarie, avevo chiesto anche pressione su Brozovic e lo ha fatto. Stanno bene tutti, chi entra determina e c’è bisogno di tutti perché giochiamo ogni tre giorni".

Perché ha lasciato in panchina Chiesa e Dybala? - "Immaginavo una gara fisica, Federico aveva bisogna di rifiatare dopo il minutaggio massivo nelle scorse gare, quando sarebbe calato il ritmo avrei messo lui, Paulo e Kaio ed è andata bene"