Tra il primo e il secondo tempo della partita in famiglia di Villar Perosa, Massimiliano Allegri ha parlato a Sky Sport della nuova Juventus che sta nascendo: "Juve più forte sulla carta? Sulla carta conta, ma conta di più il campo. La società ha migliorato molto la squadra dell'anno scorso, ma sabato prossimo col Chievo bisogna giocar bene e vincere, tutto il resto non conta. Abbiamo vinto tanto, ora partiamo con l'ambizione di vincere la Champions League. I ragazzi hanno preso sul serio anche questa partita, è normale che dopo tutti questi risultati, l'arrivo di Ronaldo e gli altri l'ambiente sia eccitato, ma ci vuole equilibrio come tutti gli anni e andare in campo. Quest'anno l'ambizione di vincere la Champions è più alta degli altri anni, così come campionato, Coppa Italia e Supercoppa. Nessuno ci dà i trofei prima di giocare, ma è normale che Ronaldo abbia portato qualità ed esperienza a livello internazionale e servirà anche da stimolo per i più giovani, ma questo non deve cambiare la voglia di lottare e di vincere della Juventus, non deve cambiare assolutamente niente".

SU BONUCCI E RONALDO - ​"Bonucci? L'ho ritrovato bene, giocatore importante e di esperienza che ha alzato il livello della fase difensiva. Ronaldo? Grande professionista, un giocatore come lui che ha già vinto tutto lavora sulle piccole cose per vincere ancora. Questa è la dimostrazione che la Juve ha comprato un grande calciatore e un grande uomo.