58
La Juventus è pronta a rivedere il contratto di Paulo Dybala. Una mossa forse mai così meritata. Perché già alla fine dell'estate, la dirigenza bianconera aveva promesso all'argentino - dopo i suoi rifiuti eccellenti alla Premier League - di parlare dell'ipotesi rinnovo in autunno o al più tardi in inverno; adesso ci siamo per davvero, Dybala e il suo entourage sono pronti a scendere nel dettaglio per un potenziale nuovo contratto su cui la Juve ha dato aperture totali, forti. La plusvalenza dell'estate 2019 rimarrà con ogni probabilità un ricordo, se non a fronte di cifre molto più alte dei 75/80 milioni di valutazione dei mesi scorsi. Chi vorrà portar via Dybala alla Juventus dovrà toccare le tre cifre, insomma.


VIA AI DIALOGHI - La Juve stessa ha dato segnali agli agenti del giocatore: l'entourage ha recepito, si può ragionare su uno stipendio che andrebbe a superare ovviamente i 7 milioni attuali (poco più, in realtà) e una durata dell'accordo almeno fino al 2024, allontanando gli spettri dell'intesa fino al 2022 attualmente in vigore che lascia ancora tranquille le parti ma non lo farebbe - ad esempio - tra un anno di questi tempi. La politica bianconera prevede riconoscenza verso i giocatori e rapidità nei rinnovi per evitare situazioni delicate, Dybala è stato avvisato e ora si potrà iniziare a scendere nel dettaglio anche con lui dopo aver blindato Bonucci, Cuadrado e presto anche Szczesny. Paulo ha sempre voluto rimanere alla Juve, ragionare sul nuovo accordo lo entusiasma, ora bisognerà incontrarsi e trovare l'intesa. Si può fare. Ma un'estate di Dybala in vendita non è più prevista per il 2020: un top club potrà prenderlo con un assegno da almeno 100 milioni se il rendimento rimarrà questo, non verrà offerto altrove.

Ascolta "Juve: annuncio all'entourage di Dybala in vista dell'estate, cosa succederà" su Spreaker.