85
L’Allegri 2.0 in casa Juventus è iniziato lo scorso 14 luglio, quando il gruppo squadra si è ritrovato alla Continassa per iniziare a preparare la stagione in arrivo. Una partenza, però, con un organico limitato, con la maggior parte dei titolari e giocatori di spessore assenti: in tanti hanno avuto impegni con le rispettive Nazionali, lasciare qualche giorno in più di vacanza era necessario. E, ovviamente, ci sarebbe stata una data da segnare in rosso sul calendario, quella del ritorno a Torino di Cristiano Ronaldo. Il portoghese è arrivato oggi pomeriggio con il suo jet all’aeroporto di Caselle e domani sarà regolarmente a disposizione di Allegri. Nonostante i segnali indichino una volontà di rimanere in bianconero, in tanti si interrogano ancora sul futuro di Ronaldo, aspettando un confronto con la società che arriverà nei prossimi giorni. Da domani tema CR7 da affrontare quindi, ma non solo: l’estenuante trattativa per Locatelli con il Sassuolo, la possibile cessione di Demiral e i rinnovi di Dybala, Chiellini e Cuadrado da siglare. Tutte questioni che la Juvenuts vuole risolvere il prima possibile. Per questo motivo la settimana che arriva sarà – molto probabilmente – la più importante e calda dell’estate bianconera.
 
CR7 E LOCA - Da domani tutte le telecamere saranno puntate su Cristiano Ronaldo, che si prenderà per forza di cose la scena. Nei prossimi giorni ci sarà un confronto con la società per chiarire la questione una volta per tutte. Il portoghese ha sempre ribadito la sua volontà ai vertici bianconeri, cioè quella di rimanere almeno un altro anno, fino a giugno 2022, quando scadrà il suo contratto quadriennale. L’unica pista possibile per una sua cessione è quella legata al PSG, che però dovrebbe a sua volta cedere Mbappé, operazione che appare molto complicata questa estate. Tanti indizi che lasciano presagire un’altra stagione del portoghese in bianconero, almeno fino agli svolgimenti di oggi. Dall’altro lato, invece, sul fronte entrata la società vorrebbe archiviare l’acquisto di Locatelli. Con il Sassuolo è previsto un altro incontro in settimana per provare a chiudere. Dalla cessione i neroverdi vogliono incassare almeno 40 milioni, la Juve si è spinta poco sopra ai 30 tra prestito oneroso, obbligo di riscatto e bonus. I bianconeri sperano che la prossima offerta possa essere quella giusta per concludere una trattativa lunga ed estenuante che va avanti da settimane.
 
CESSIONE E RINNOVI - Dal fronte cessioni e possibili plusvalenze il nome più caldo è quello di Merih Demiral, che potrebbe presto lasciare Torino. Federico Cherubini lo valuta 35 milioni di euro, cifra che – se dovesse essere incassata – darebbe una bella boccata d’ossigeno alle casse bianconere. L’Atalanta lo ha scelto come possibile sostituto del Cuti Romero, che ha le valigie pronte direzione Premier League. Sul turco, però, nelle ultime ore si è inserito con forza anche il Borussia Dortmund, pronto a soddisfare le richieste economiche della Juve. E anche per Demiral, che ha giocato sabato contro il Cesena, questa diventa una settimana decisiva per il suo futuro. Il discorso rinnovi, invece, vede coinvolti tre giocatori, ognuno con il suo caso specifico: Chiellini, Cuadrado e Dybala. L’intenzione della società, però, è la stessa per tutti e tre: rinnovare e continuare insieme. Chiellini aspetta solo di concludere le vacanze e rientrare alla base, anche se vorrebbe comunque un aumento dello stipendio. Per Cuadrado c’è già un’intesa di massima, con un altro anno di contratto alle stesse cifre di quello precedente. E poi c’è il caso legato a Paulo Dybala, con un rinnovo in stallo da mesi. La volontà della società è chiara: puntare sull’argentino e metterlo al centro del progetto tecnico. Anche lui vuole rinnovare e continuare a vestire il numero dieci bianconero. A Torino, anche in questo caso nei prossimi giorni, è atteso l’arrivo del suo agente per discutere di questo rinnovo. Le due parti si metteranno in contatto il prima possibile, anche se per un incontro faccia a faccia dovranno avere un po’ più di pazienza, perché l’agente argentino quando arriverà dovrà osservare i dieci giorni precauzionali di quarantena. Insomma, quella che arriva è davvero una settimana decisiva per capire una bella fetta del futuro della Juventus. Sull’agenda adesso ci saranno diverse date da cerchiare in rosso.