709
Mancava il sì di Arthur, è arrivato. E nella giornata di oggi sono stati limati anche gli ultimi dettagli relativi all'ingaggio del brasiliano.

LA SVOLTA - Nella notte tra martedì e mercoledì la svolta, l'offerta che ha convinto gli agenti di Arthur a spingere pure loro per il trasferimento a Torino. E oggi sono stati limati gli ultimi dettagli, una situazione possibile perché dopo un'altra notte di riflessione Arthur ha dato l'ok a chiudere. 

I DETTAGLI - C'è stato un piccolo tentativo di gioco al rialzo nelle ultime ore, senza gli effetti sperati sulla parte fissa e che si concretizzeranno solo con i bonus. Arthur firmerà un contratto di quattro anni, guadagnando un ingaggio compreso tra i 5 e i 5,5 milioni netti a stagione. La giornata di oggi è quindi scivolata via soprattutto per definire dettagli tecnici e oneri accessori, ore di lavoro più per avvocati che non per dirigenti e procuratori.
LA TRATTATIVA - Già tutto fatto per quel che riguardava le altre parti in causa. Tra parte fissa e bonus Miralem Pjanic verrà valutato tra i 60 e i 65 milioni di euro, con il bosniaco che andrà a guadagnare quasi 8 milioni netti a stagione. Mentre Arthur sfonderà complessivamente il muro dei 75 milioni bonus inclusi. Lo sconto richiesto dalla Juve per non inserire altri giocatori è arrivato, ma potrebbe anche non verificarsi più il riscatto di Matheus Pereira per 8 milioni, valutazioni in corso sotto questo punto di vista.

FIRME E VISITE - Ora ci sarà Juve-Lecce, poi Celta-Barcellona. Quindi tra domenica e lunedì si procederà anche con le visite mediche di rito e poi alle firme dei contratti. Ultimi passaggi formali prima del ritorno alla base dei due giocatori, che potrebbero a conti fatti sfidarsi magari in Champions League ancora con le loro maglie per poi scambiarsele definitivamente a fine partita.