254
Alla fine l'Atalanta dà due mani alla Juve: domina ma commette due leggerezze che costano lo scudetto. Ronaldo è glaciale dal dischetto, i nerazzurri vincono tutti i duelli, da Zapata a Gomez in poi. E Gasperini è il vero fenomeno. Queste le pagelle di Calciomercato.com.

Juventus-Atalanta 2-2

Juventus
Szczesny 5,5: sui gol poteva fare poco, ma da un po' non si vedono miracoli. E con la palla tra i piedi a volte balbetta.
Cuadrado 5: patisce Castagne, trova in fretta il giallo che lo costringerà a saltare il Sassuolo e Muriel lo manda a spasso.
De Ligt 6: unico a tenere botta contro Zapata, ma da solo non può bastare.
Bonucci 5: in difficoltà, ancora. E dire che questa volta lo spauracchio Zapata gli gira al largo.
Danilo 5: quando Hateboer accelera lui viene sistematicamente saltato, quando attacca non si intende quasi mai con i compagni (11' s.t. Alex Sandro 6: in ritardo, ma fa meglio di Danilo).
Bernardeschi 5: per Sarri è di nuovo una pedina quasi insostituibile, ma gli equilibri di cui parla spesso il tecnico son sempre più invisibili agli occhi (11' s.t. Douglas Costa 5: fumoso e poco più ).
Rabiot 5: sembra in salute, ma contro l'Atalanta finisce per correre a vuoto anziché far correre la palla.
Bentancur 5,5: fa quasi tenerezza per come ci provi a tenere da solo tutto il centrocampo bianconero. Alla fine è pure colpa sua se l'Atalanta raddoppia
Matuidi 5: serve per diventare il quarto di centrocampo e aiutare sulla fascia Danilo, ma finisce per essere spesso nella terra di nessuno (36' s.t. Ramsey s.v.).
Dybala 6: contro il Milan è mancato e si è visto, ma l'avvio di questa partita è complicato, perde tanti palloni. Quello più sanguinoso al 16', l'Atalanta riparte e segna, per quanto potrebbe anche esserci stato un fallo di Freuler. Poi ha il merito di essere l'unico a provarci per davvero, trovando quasi col mirino il braccio di De Roon per il rigore del pareggio (25' s.t. Higuain 5,5: non si vede mai, ma il rigore del 2-2 nasce da un suo guizzo).
Ronaldo 6,5: non si vede e non si sente per tutto il primo tempo. Nella ripresa invece prima si arrabbia con i compagni che lo lasciano troppo solo, poi trasforma di pura rabbia i due rigori fin qui più importanti della stagione, quelli che possono valere lo scudetto. 

All. Sarri 5: la Juve ci capisce poco. Un tempo dominato dall'Atalanta, poi dopo il pareggio (casuale) appena i bergamaschi cambiano marcia torna in affanno. Ma se una mano non bastava, dall'Atalanta ne arrivano due...e il pareggio vale oro. Un tesoro da non sperperare più.

Atalanta

Gollini 6: una gran parata su Ronaldo, nulla può sui rigori.
Toloi 6,5: accompagna l'azione appena può, raddoppia puntualmente su Ronaldo. 
Palomino 6: cattivo quanto basta per guidare una difesa cattiva quanto basta (30' s.t. Caldara s.v.).
Djimsiti 6: c'è Dybala dalle sue parti, lui si fa aiutare se necessario ma tiene botta.
Hateboer 6,5: quando accelera sono dolori.
De Roon 6,5: con Freuler e Gomez si intende a meraviglia, anche con Toloi. Appena uno si sposta lui è sempre lì a tenergli il posto. Poi quel braccio galeotto, la regola è quella, c'è poco da fare.
Freuler 6,5: lotta con coraggio su ogni pallone (30' s.t. Tameze 6,5: entra bene in campo).
Castagne 6,5: non doveva giocare, l'infortunio di Gosens lo manda in campo e lui risponde presente macinando chilometri e giocate.
Gomez 7: è trequartista, è regista basso, è tutto e anche qualcosa di più. Campione vero, ben più di quel che possa dire il curriculum, uno dei (tanti) motivi per cui l'Atalanta in questo momento sia quanto di meglio possa proporre il campionato italiano. Dà tutto, poi quando non ne ha più Gasperini lo toglie (22' s.t. Malinovsky 7: non fa rimpiangere Gomez, il suo gol è bellissimo)
Ilicic 5,5: non butta un pallone, ma è ancora alla ricerca della giusta lucidità negli ultimi trenta metri (13' s.t. Pasalic 5,5: tra i subentranti, quello meno pimpante).
Zapata 7: vede Juve e si scatena, il ciclone Zapata non lascia mai scampo alla difesa bianconera. Questa volta gira al largo da Bonucci, se De Ligt risponde colpo su colpo è Bentancur a venire travolto dal colombiano in occasione del gol (22' s.t. Muriel 5,5: prova ottima, poi quel braccio con cui rovina tutto)

All. Gasperini 7: senza quei bracci galeotti, sarebbe l'unica vera anti-Juve di questo campionato. Domina a lunghi tratti, non vince ma lo avrebbe meritato. Azzecca pure i cambi. Colpe davvero non sembra averne.