82
Non solo Pjanic e Arthur. Secondo Tuttosport, Juventus e Barcellona - complici le difficoltà economiche create dall'emergenza coronavirus e la necessità di fare plusvalenze - hanno deciso di ingegnarsi e creare un'asse di mercato che, al termine dell'attuale stagione, potrebbe dare il la a diverse operazioni di mercato. Far quadrare i conti sotto l'aspetto tecnico, considerando le esigenze di Sarri e Setién, andrà di pari passo con l'aspetto finanziario.


AFFARE PER TUTTI - De Sciglio, Romero e Rugani, da una parte, Nelson Semedo e Todibo, dall'altra, sono i nomi sul tavolo che potrebbero mettere tutti d'accordo per il quotidiano torinese. Che evidenzia come il possibile approdo in blaugrana di Pjanic e il contestuale arrivo in bianconero di Arthur, per un potenziale controvalore di 50 milioni di euro, favorirebbe soprattutto la Juventus dal punto di vista della plusvalenza derivante. Aprendo così la strada a dei delicati incastri per individuare una o più operazioni collegate per consentire al Barcellona di riequilibrare economicamente l'intero affare.
L'IDEA - Complicato, per esempio, mettere sullo stesso piano De Sciglio con Semedo (il primo arrivò a Torino a parametro zero, il portoghese è valutato circa 50 milioni); più percorribile la strada che condurrebbe Todibo alla corte di Sarri in cambio di Romero, difensore argentino di rientro dal Genoa. Al Barcellona Todibo (ad oggi in prestito allo Schalke, che non ha ancora deciso se riscattarlo per 25 milioni) è costato praticamente nulla, se non l'indennizzo simbolico di un milione pagato al Tolosa, mentre per l'argentino è stato acquistato dai bianconeri per 26 milioni. Idee per ora, ipotesi su cui lavorare, ma Juve e Barcellona continuano a parlarsi, per dare forma a quel mercato in stile NBA evocato da Paratici.