Commenta per primo
Gianluigi Buffon parla a Sky Sport dopo la vittoria della Juventus sul Bayer Leverkusen in Champions League:



"Musichetta Champions? Una grande emozione, la musichetta la sentivo, l’ultima volta non è un grande ricordo anche se facemmo un’impresa. Fisicamente sto bene, se mentalmente giochiamo così possiamo fare bene, se giochiamo con la puzza sotto il naso diventa un problema. Se non approcci le partite con la giusta determinazione diventa un problema a 20 anni, figuriamoci a 42. Oggi gli attaccanti sono stati un esempio per soffrire insieme, da Ronaldo a Higuain e Dybala. Abbiamo vinto meritatamente e sono felice. Sassuolo? Sono abituato alla critiche, normale, se voglio continuare a giocare devo accettarle, nessuno è stato mai carino con me devo accettarle. Più avanti vado più rischi ci sono, a giocare nella Juve è normale e puoi dare fastidio:devo prepararmi bene, me lo devo imporre se voglio bene a me stesso. Inter unica italiana fuori dalla Champions? Non credo cambi gli equilibri. Colgo l’occasione per fare complimenti al Napoli e soprattuttto all’Atalanta per quello che sta facendo, sono emozionanti. Non voglio fare quello che sale sul carro dei vincitori, ma messaggiando con Gasperini anche dopo la terza giornata dei gironi gli dissi che potevano farcela, possono vincere con tutti, sono una realtà da prendere ad esempio".